venerdì 7 Ottobre 2022

Più nocivo della zucchero bianco: l’amara verità sul fruttosio

Il suo nome è associato alla frutta e per questo si tende spesso a considerarlo più dietetico o più sano del normale zucchero. Ma il fruttosio è lo zucchero più nocivo tra tutti, perché ha una via metabolica diversa dal glucosio e viene metabolizzato dal corpo umano allo stesso modo dell’alcol. Il suo consumo frequente (sotto forma di succhi di frutta, merendine, dolciumi) predispone a molte patologie metaboliche croniche, come diabete, steatosi epatica, dislipidemie, malattie cardiovascolari.

Questo articolo intende spiegare cos'è il fruttosio e perché sia una sostanza problematica per la ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. Salve, il miele, il quale che io sappia contiene fruttosio, in percentuale variabile a seconda del tipo di miele, ma comunque ne può contenere anche parecchio, come si pone in questo discorso? Fa parte degli alimenti naturali che controbilanciano il contenuto di fruttosio con la presenza di vitamine, antiossidanti e quant’altro o il suo posto è nella lista dei “veleni”? Sono uno sportivo e ne faccio un discreto uso, è meglio che cambi le mie abitudini?
    Grazie
    Giuseppe

  2. Sono un biologo con un profilo fisiopatologico e non posso che, anche per via dell’esperienza da nutrizionista, asserire ed aggiungere, quanto sia vero sia lo studio che l’inquinamento pubblicitario in corso. Non solo, il grande problema sta anche sulla manipolazione delle informazioni che non sono mai state date, in passato o date con dolosa falsificazione ad esempio sui grassi, quindi ci troviamo generazioni di genitori e nonni, oggi, che pensano che ogni tanto si possano dare merendine, nutella caramelle ed altri paciughi similari, e che si possano sostituire, le merendine per la ricreazione a scuola, alla più sana frutta da tavola. Il discorso poi sui grassi è lungo, ma si sappia che, per fini di profitto dell’industria alimentare, si è fatto anni ed anni di delinquente manipolazione delle notizie al fine di indirizzare le persone a credere e reagire, in maniera che ci fosse un guadagno, ma a scapito della salute dei consumatori.

    • Salve dottore, una domanda:
      Solo in questo caso: sostituire il classico cucchiaino di zucchero ( o bustina al bar) con il fruttosio ma con un cucchiaino più piccolo ( e la bustina al bar che si solito è minore – 3gr anziché 4 o 5). Dato che il fruttosio dolcifica di più se ne può usare meno… solo in questo caso. Su caffè o latte o The. Può essere meglio? Grazie 1000 se vorrà rispondermi.

      • Buongiorno Lara,
        sono l’autore dell’articolo qui in alto. Come dovrebbe aver capito in maniera molto chiara, sostituire lo zucchero con il fruttosio è la scelta più sbagliata che lei possa fare. Se proprio deve usare dello zucchero (l’ideale sarebbe abituarsi gradualmente a non usarlo, in particolare nelle bevande come caffè, tè o latte), allora continui ad utilizzare lo zucchero classico, non il fruttosio.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI