mercoledì 24 Luglio 2024

Politiche pandemiche e sanzioni alla Russia: come l’Italia sta devastando il suo turismo

Il settore del turismo italiano, già pesantemente danneggiato dall'emergenza sanitaria degli ultimi due anni, ora rischia di essere definitivamente messo al tappeto dalla nuova emergenza che preoccupa il mondo intero: la guerra tra Russia ed Ucraina. In reazione ad essa, infatti, l'Italia ha deciso nella giornata di domenica di chiudere lo spazio aereo alla Russia sostanzialmente anticipando di poche ore la decisione dell'Ue, che successivamente ha annunciato la medesima misura a livello europeo: una decisione potenzialmente letale per il turismo italiano, dato che, come denunciato proprio dal...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

13 Commenti

  1. C’è da aggiungere che qualche ristoratore/albergatore sta volutamente negando l’accesso ai propri locali ai russi. Si vede che stanno ancora bene. Da notare che di nuovo il popolo italiano si lascia condizionare senza informarsi. Ma in generale, quel che capita a te potrebbe poi capitare a me, mai sputar sentenze e mai discriminare direi.

    • sono veramente degli stolti..i russi non hanno fatto che fare investimenti in Italia e in Europa..e,se si guarda indietro,diciamo al 2014..x dire 1 data,vediamo che Putin ha fatto solo del bene al Dombass..comunque io sto con lui,non con biden e con zelensky.Se ci fosse stao ancora Trump tutto questo non sarebbe successo!

  2. Tutte le categorie commerciali, dico assolutamente tutte! Dovrebbero stracciare la tessera dei sindacati ! Sono solo parassiti asserviti al potere e non hanno alzato un dito per difendere le categorie!

  3. E intanto i migliori continuano a lasciare intatto quell’abominio giuridico del nazi-pass, ne saranno felici tutti quei ristoratori che dicevano: “basta che ci fanno riaprire va bene tutto!”
    Ora prendete e portate a casa!

  4. Le associazioni dovrebbero ringraziare le loro scelte: hanno voluto il super-lasciapassare?? Questo è il risultato…. E gli esercenti farebbero bene a ricordarselo…. Altro aspetto: quanto delle nuove aperture sono di proprietà di italiani??

  5. 175 mila pernottamenti e 20 milioni di fatturato: cioè in media 114 euro a pernottamento? Mi sembra un po’ poco.

    • poco..se poi pensiamo a quanto spendoni i russi x affitti,abiti,mobili e gioielli..andrebbero tenuti d’acconto..

  6. Gli operatori del settori si meritano quello che hanno ora.
    Ne sono in larghissima parte artefici.
    Non dovrebbero lamentarsi.
    Dovrebbero congratularsi coi governi che hanno gestito la “pandemia” .

    • Invece le loro associazioni di categoria, come quelle di altri settori e i sindacati tutti dei lavoratori, si sono ciecamente allineate ai diktat governativi, ed ora tutti pagano le conseguenze. Grazie a Marietto & Co, ma anche ai media complici pagati per gonfiare una influenza stagionale.

Comments are closed.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI