venerdì 7 Ottobre 2022

Myanmar: l’Italia aggira l’embargo fornendo velivoli alla giunta militare

Italia e Francia forniscono velivoli ai militari golpisti del Myanmar. È quanto sostengono 4 organizzazioni della società civile italiana: Italia-Birmania insieme, Amnesty International, Rete italiana Pace e Disarmo e Atlante delle Guerre, secondo cui le due nazioni avrebbero fornito al Paese sotto assedio militare diversi apparecchi. Tra questi figurano un ATR-72 600, un Airbus Eurocopter, un Y-12, Yak-130 e K-8. Gli aerei in questione, gli ATR-72 600, sono prodotti in Francia da ATR, unendo le forze lavorative della francese Airbus e l’italiana Leonardo Corporation. Gli Eurocopter, invece, sono prodotti in Francia da Airbus (la cui sede ufficiale è nei Paesi Bassi).

Anche se al momento non è ancora ufficialmente dimostrato che i golpisti usino gli aerei per scopi militari (potrebbero, ad esempio, essere destinati al trasporto di passeggeri), “il solo fatto che tale fornitura sia nelle mani della giunta militare in Birmania è di per sé grave”, si legge sul Manifesto.

Come sono fatti questi velivoli? Prendiamo l’ATR-72 600 aereo che può ricoprire molte funzioni ed è in grado di trasportare fino a 78 persone. La sua velocità di 510 Km/h gli permette di essere usato per diversi tipi di business, con ogni condizione climatica o tipologia di terreno d’atterraggio (anche non asfaltato). Sembrerebbe perfetto per un’operazione militare.

Un documento militare birmano del 2018, tenuto segreto e reso noto poi da Justice for Myanmar, rivela l’esistenza di indicazioni su cosa possono fare le forze armate con gli aerei e come possono essere convertiti per trasportare truppe e container. Con foto esplicative annesse.

L’assedio militare nei confronti del Myanmar prosegue ormai da quasi un anno, e il bilancio delle vittime si aggira attorno alle 100 al mese, tutte nelle file dell’opposizione. Gli scontri sono numerosi e qualsiasi mezzo nelle mani dei golpisti potrebbe potenzialmente essere utilizzato contro la popolazione.

Per questo le associazioni sopra citate si sono dette preoccupate delle interazioni tra Italia e Francia e Myanmar e hanno chiesto spiegazioni al Ministero degli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale.

Myanmar embargo
Tweet dI Cecilia Brighi, Segretario Generale di Italia-Birmania.Insieme

Bisogna tenere presente che nei confronti del Myanmar è ancora attivo l’embargo del 1996, stabilito dall’UE, sul tema “armi e munizioni”. Oltre a queste, sono incluse nel “divieto” anche “parti di ricambio, riparazioni, manutenzione e il trasferimento di tecnologia militare”.

In aggiunta, dal 26 aprile 2018 è stato stabilito “il divieto di esportazione di beni a duplice uso per gli utenti finali militari e della Polizia di frontiera (e) restrizioni all’esportazione di apparecchiature per il monitoraggio delle comunicazioni che potrebbero essere utilizzate per la repressione interna, l’addestramento militare e la cooperazione militare”.

L’intensificarsi di attacchi aerei nelle ultime settimane in alcune regioni del paese ha accresciuto i sospetti. Centinaia di civili continuano a morire e gli edifici crollano uno dopo l’altro. Il risultato è drammatico: 300.000 sfollati cercano dimora fuori dal Paese, e molti altri ancora, che non hanno la possibilità di andarsene, rimangono senza un posto in cui stare.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI