giovedì 9 Dicembre 2021

Cortei contro il green pass: il Viminale avvia una nuova stretta repressiva

Le manifestazioni non potranno più attraversare i centri storici e le strade dello shopping, non dovranno passare vicino a non meglio precisati “obiettivi sensibili” e dovranno essere principalmente stanziali, senza spostamenti dal luogo di ritrovo. Queste le linee che, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha dettato a prefetti e questori, che avranno potere di renderle operative già dal prossimo fine settimana. Una stretta repressiva che arriva dopo la petizione lanciata da Confcommercio che chiede di salvaguardare gli acquisti natalizi dai disagi provocati dai cortei. Il Viminale pare quindi aver deciso che il diritto a manifestare sancito dalla Costituzione è sacrificabile difronte alla sacralità dello shopping.

Le nuove regole sono contenute in una serie di disposizioni già consegnate ai prefetti e ai questori. A partire dal prossimo fine settimana i comitati provinciali convocati in tutti i luoghi dove sono state chieste autorizzazioni a scendere in piazza dovranno tenerne conto, basandosi su di esse per autorizzare o negare le richieste di manifestazione. Ancora non è chiaro se la regola sarà riservata solo ai cortei contro il green pass o a tutte le manifestazioni di protesta in generale, andando a colpire anche quelle degli operai in lotta per la difesa del posto di lavoro che in queste settimane si stanno moltiplicando. In ogni caso con questa disposizione l’Italia si conferma un “laboratorio mondiale sulla gestione della pandemia“, dove il diritto a manifestare sarà limitato non più solo per ragioni sanitarie, ma anche per non disturbare gli acquisti nei negozi del centro.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Penso sia una provocazione per spingere la gente a reazioni violente e poter così reprimere salvandosi la faccia. Non dimentichiamoci che siamo governati da una mente bancaria che vede nel ricatto e nella subdola speculazione la sua logica di pensiero.

  2. Delinquenza politica a livelli elevatissimi, pressoché totalitari.
    La prova provata che il costituzionalismo è fallito, ovunque nel mondo.
    I politici se ne fottono tutti , in massa, delle costituzioni che dovrebbero servire a salvaguardare le genti dai soggetti messi a gestire gli affari correnti e la cosa pubblica.
    Siamo in mano a dei delinquenti politici.
    E con loro vanno gran parte dei magistrati, potere originariamente distinto e di controllo, appecoronati al verbo politico.
    Per non citare i giornalisti, cui si attaglia bene l’aforisma : In italia si vendono più giornalisti che giornali.
    Italia, nessun futuro.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati