mercoledì 29 Giugno 2022

I siti di fact-checking stanno diventando un pericolo per il giornalismo indipendente

Dalla sua fondazione nel 2018, l’estensione browser NewsGuard vaglia ininterrottamente articoli online per determinare se le loro fonti sono o meno attendibili. Da qualche tempo la sua installazione è divenuta automatica su Microsoft Edge nonché sui portali di moltissime biblioteche e scuole negli Stati Uniti. NewsGuard sta riuscendo ad imporre le sue etichette in maniera sempre più capillare. In una traiettoria che non si limita più a fornire - come vedremo in modi piuttosto arbitrari e di dubbia neutralità - bollini verdi o rossi a quella e a quell'altra testata, ma punta a colpire i siti sc...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

7 Commenti

    • questi si sentono in diritto di difendere la verità… Stranamente però non fanno mai le pulci al main stream! vorrei vedere uno di questi paladini della verità che fa le pulci a Vespa quando l’altra sera se l’è presa contro Gianni Rivera colpevole di non volersi vaccinare e Vespa ha candidamente detto che sopra i sessant’anni non è mai morto nessuno da vaccino! siccome questa è una bugia colossale voglio vedere Bruno Vespa sputtanato su questi siti per aver detto il falso!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI