fbpx
sabato 23 Ottobre 2021

Il Libano è in bancarotta: da una settimana i cittadini sono in strada a protestare

Il Libano sta affrontando la peggiore crisi degli ultimi decenni ed a gennaio è stato dichiarato lo stato di emergenza. Da una settimana sono in corso le violente proteste dei cittadini contro il governo a causa della crisi economica e del rialzo dei prezzi. I manifestanti hanno bloccato le strade delle principali città del paese ed hanno dato fuoco agli pneumatici delle autovetture. Molto forte la repressione da parte dell’esercito, come richiesto dal presidente libanese. Intanto l’inflazione dilaga, il valore della sterlina libanese è crollato di oltre l’80% e lo Stato sta bloccando i conti in banca delle persone, che possono prelevare solo piccole cifre di denaro. Dietro tutto ciò c’è la crisi di governo: è da 7 mesi che il paese non ha un esecutivo nella pienezza dei suoi poteri. Anche il governatore della banca centrale, Riad Salameh, non è esente da colpe: è accusato di aver ingannato i cittadini finanziando il paese nonostante sapesse che la bancarotta si sarebbe verificata. A tutto questo si aggiunge la crisi sanitaria dovuta al Covid-19: ieri quasi 4000 nuovi casi e 54 morti.

La formazione di un governo permetterebbe al Libano di ricevere ben 253 milioni di euro raccolti da una commissione internazionale patrocinata dal presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron, ma i cattivi rapporti tra il presidente libanese Michel Aoun e l’incaricato premier Hariri stanno precludendo questa possibilità al paese.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati