lunedì 4 Luglio 2022

Gli Usa minacciano dazi contro l’Italia perché ha approvato la web tax

Il 7 gennaio, il governo Usa ha minacciato di ritorsione l’Italia, l’India e la Turchia, accusate di aver violato i principi fiscali internazionali. Le tasse digitali approvate da questi ultimi, rischiano di colpire colossi statunitensi come Google, Facebook, Apple e Amazon. L’ufficio del Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti (Ustr) ha dichiarato di non aver deciso azioni specifiche al momento, ma che “continuerà a valutare tutte le opzioni disponibili”. Nell’ultimo rapporto, le tasse indiane, italiane e turche sono state definite “irragionevoli” perché “incoerenti con i principi di tassazione internazionale“.

L’Italia anziché procedere con una web tax nazionale preferirebbe adottare la web tax globale elaborata dall’Ocse. Tale imposta è stata introdotta della Legge di Bilancio 2019 e prevede una tassazione del 3% sui ricavi derivanti dai servizi forniti con mezzi digitali a clienti da società, stabilite o non in Italia, che in un periodo d’imposta generino almeno 750 milioni di euro di ricavi nel mondo o 5,5 milioni di euro di ricavi in Italia. I ricavi dei servizi digitali, ai quali si applica l’imposta, sono quelli derivanti dalla prestazione di: trasmissione di pubblicità mirata agli utenti; predisposizione di un’interfaccia digitale multilaterale che consenta agli utenti di interagire tra loro al fine di facilitare la fornitura diretta di beni o servizi; trasmissione dei dati raccolti dagli utenti e generati dall’utilizzo di un’interfaccia digitale.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI