fbpx
giovedì 28 Ottobre 2021

Valsusa, manifestazione No Tav: botte e lacrimogeni dalla polizia

Momenti di tensione tra polizia e No Tav ieri sera in Valsusa, dove sono stati avviati i lavori per ampliare la recinzione del cantiere della linea ferroviaria Torino-Lione. Alla fine dell’assemblea che si è svolta al presidio, per decidere i nuovi appuntamenti dei lavori, circa 150 attivisti hanno raggiunto in auto il “Bivio Passeggieri” a Venaus. Qui, la polizia ha caricato senza motivo i No Tav appena la fiaccolata si è avvicinata al bivio per Giaglione, lanciando loro anche una serie di lacrimogeni. Lo testimoniano oltre agli attivisti, i video, che riprendono la carica a freddo degli agenti.

Una trentina di attivisti, ha provato ad arrivare a Giaglione. Tuttavia la Digos, che dalla matina sta monitorando e presidiando la zona, li ha intercettati e bloccati. I No Tav sono stati sanzionati per aver violato la normativa anti-Covid e poi allontanati.

Nella notte al cantiere Tav in Val di Susa erano ripresi i lavori, ed è arrivata la chiamata dal movimento a raggiungere la zona per opporsi. I mezzi di lavoro sono stati scortati dalle forze dell’ordine. In quell’area, tra Chiomonte e Giaglione, a inizio novembre, Telt aveva acquisito quasi due ettari di terreni necessari al cantiere per il tunnel di base ed il nuovo svincolo con l’autostrada A32.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati