martedì 28 Giugno 2022

Australia, gli incendi portano il koala a rischio estinzione: già 60mila colpiti

Sono più di 60.000 i koala colpiti dagli incendi boschivi in Australia tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. A stimarlo, è stato un report commissionato dal WWF-Australia nell’ambito della valutazione del bilancio ecologico della cosiddetta ‘“estate nera”. Il report ha stimato, inoltre, che circa 3 miliardi di animali, di cui 2.46 miliardi di rettili, si trovavano nel percorso delle fiamme. Di questi, 143 milioni erano mammiferi: un milione di wombat, 5 milioni di canguri e wallaby, 5 milioni di pipistrelli, 39 milioni di opossum e alianti e 50 milioni di topi e ratti nativi. Ma sono i koala a preoccupare maggiormente: ne sarebbero stati interessati tra i 43.261 e i 95.180, con una media di 61.353. “Per una specie a serio rischio di estinzione, sono numeri devastanti”, ha commentato il direttore esecutivo di WWF-Australia.

Un’indagine parlamentare ha reso noto che i koala, a causa della scomparsa del loro habitat, potrebbero estinguersi nello stato del Nuovo Galles del Sud entro il 2050. Perdita di habitat, aggravata proprio dagli ultimi incendi boschivi. In alcune zone, è stato bruciato oltre l‘80% delle foreste che ospitava i mammiferi marsupiali a rischio. Gli incendi, scoppiati in Australia nel giugno 2019, hanno distrutto circa 17 milioni di ettari, uccidendo almeno 33 persone e provocando la morte di oltre 1 miliardo di animali.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI