mercoledì 28 Settembre 2022

Francia, almeno 150mila in piazza contro la legge che vieta di riprendere la polizia

Almeno 150.000 persone hanno sfilato a Parigi, nonostante il lockdown, per protestare contro le violenze della polizia e chiedere il ritiro della «legge sulla sicurezza globale». In particolare i francesi hanno reagito all’articolo 24 che vieta di filmare poliziotti e gendarmi in azione e di diffondere poi i video «con intenzioni malevole». Durante la giornata di ieri le manifestazioni diurne sono avvenute pacificamente in più di 70 città francesi. Durante la serata sono scoppiati diversi scontri che hanno portato, secondo i media locali, a 37 agenti feriti e 46 arresti.

I manifestanti esprimono la loro rabbia per un progetto di legge sulla sicurezza pubblica, approvato questa settimana dalla camera bassa del parlamento. In particolare, la nuova legge (art. 24) prevede un anno di carcere e 45.000 euro di multa per chi diffonde immagini di poliziotti con il non meglio precisato “intento di nuocerne l’integrità fisica/psichica”. La legge disciplina inoltre l’uso della videosorveglianza negli spazi pubblici (art. 20 e 22) e il ricorso ai droni per controllare l’ordine pubblico (art. 21).

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI