venerdì 27 Maggio 2022

Hong Kong, medioevo digitale: una chat anonima per denunciare i dissidenti alla polizia

La polizia di Hong Kong ha ricevuto più di 2.500 segnalazioni, dal lancio di una linea diretta per i residenti, per segnalare sospette violazioni della legge sulla sicurezza nazionale della città. Il sistema consente alle persone di inviare alla polizia, audio, immagini e video sospetti, con la garanzia che la loro identità rimarrà segreta. Già 27 le persone arrestate, anche se solo 2 sono state incriminate. Sebbene le autorità avessero affermato che sarebbe stata utilizzata solo contro un “piccolo gruppo” di criminali, la linea ha portato alla criminalizzazione di atti benigni che supportano l’indipendenza.

La legge sulla sicurezza nazionale, imposta a Hong Kong da Pechino a giugno, criminalizza un’ampia gamma di atti per motivi di sovversione, secessione, collusione straniera o terrorismo.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI