martedì 17 Maggio 2022

L’uragano Eta continua la sua marcia distruttiva ai Caraibi: quasi 200 morti e dispersi

Circa 200 tra morti e dispersi: è questo il bilancio, ancora provvisorio, dell’uragano Eta che finora ha devastato 7 Paesi dell’America Centrale. Si continuano a contare le vittime in Guatemala, il Paese più colpito: il villaggio di Queja (nord) è stato quasi completamente travolto da una frana, con una stima di 150 tra morti e dispersi.

L’uragano ha toccato terra per la prima volta martedì in Nicaragua quando era di categoria 4, con venti che soffiavano fino a 140 km orari. La perturbazione poi, si è gradualmente indebolita ed è stata declassata a depressione tropicale. Secondo il centro di monitoraggio degli uragani statunitense (Nhc), Eta dovrebbe colpire Cuba in giornata per proseguire la sua marcia verso la Florida.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI