fbpx
sabato 25 Settembre 2021

Bielorussia, l’Unione Europea ha approvato le sanzioni contro Lukashenko

Il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato sanzioni contro 15 esponenti del governo bielorusso, e tra loro c’è il presidente Alexandr Lukashenko. Le misure, che includono il divieto di viaggio nell’Unione e il congelamento dei beni, sono state decise “in relazione alla violenta repressione e intimidazione di manifestanti pacifici, membri dell’opposizione e giornalisti dopo le elezioni presidenziali del 2020 in Bielorussia”.

Le sanzioni contro il presidente rappresentano una nuova mossa europea nella partita a scacchi per obbligare Lukashenko alle dimissioni. L’Ue non ha infatti riconosciuto i risultati delle elezioni presidenziali dello scorso 9 agosto (ufficialmente vinte da Lukashenko con oltre l’80% dei voti) accusando il presidente – al potere ininterrottamente dal 1994 – di brogli. Da allora si sono moltiplicate iniziative internazionali e manifestazioni da parte dell’opposizione per forzare il premier alle dimissioni, ma per ora senza nessun effetto concreto.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati