mercoledì 18 Maggio 2022

Italia: maxi ricorso al Tar contro le norme anti-Covid a scuola

160 avvocati hanno presentato un ricorso al Tar Lazio contro i decreti 39 e 89 del Ministero dell’Istruzione che ha dettato i piani-Covid per lo svolgimento dell’anno scolastico. I decreti in questione obbligano al distanziamento sociale, all’uso delle mascherine per chi ha più di sei anni ed a tutte le procedure di isolamento per chi presenta a scuola sintomi simili a quelli da Covid-19. Da un punto di vista legale, secondo i ricorrenti, oltre a violare i principi europei della Carta dei diritti fondamentali, i decreti violano gli articoli 33 e 34 della Costituzione: “arte e scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento” e “la scuola è aperta a tutti”. Sotto l’aspetto medico-scientifico non c’è ragionevolezza, poiché le misure sono imposte a chi non è stato colpito dal virus. Secondo i ricorrenti queste norme sono state introdotte per contaminare il nostro sistema democratico.

La risposta dal TAR Lazio è attesa per il 20 ottobre prossimo.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI