domenica 2 Ottobre 2022

Nobel per la medicina al lavoro di tre scienziati sull’epatite C

Harvey J Alter del National Institutes of Health (americano), Charles M Rice della Rockefeller University (americano) e Michael Houghton, virologo dell’Università di Alberta (britannico), hanno ricevuto il premio Nobel per la medicina, per il loro lavoro pionieristico sull’epatite C, una malattia grave del fegato. Il premio, annunciato lunedì dall’assemblea del Nobel del Karolinska Institute di Stoccolma, ha un valore di 10 milioni di corone svedesi (950.000 euro circa), che saranno divise tra i vincitori.

L’epatite C è una malattia infettiva, causata dal virus HCV, che colpisce in primo luogo il fegato. Il virus viene trasmesso principalmente per contatto diretto con il sangue. L’infezione è spesso asintomatica, ma può condurre alla cirrosi, che puó sviluppare il cancro al fegato.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI