sabato 2 Luglio 2022

UE: 1 milione di morti evitabili all’anno, ma in Italia va meglio

Eurostat rileva che nel 2016 due terzi dei decessi di persone con età inferiore a 75 anni potevano essere evitati. La prevenzione primaria e gli interventi sanitari tempestivi, avrebbero potuto salvare un milione di persone.
I dati non si riferiscono alle morti da Covid-19, ma ad ogni altro tipo di patologia a causa delle liste d’attesa interminabili, assenza di prevenzione ed efficacia delle terapie. Su questo sfondo europeo, l’Italia si distingue: detiene il minor numero di morti per malattie prevenibili (107 ogni 100mila abitanti) e si colloca agli ultimi posti della classifica di malasanità (67 morti ogni 100mila abitanti). A causa di quest’ultima, in 6 paesi (Bulgaria, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Ungheria) hanno registrato più di 150 morti nel 2017.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI