martedì 16 Agosto 2022

Inondazioni nel Sahel: 700.000 persone colpite e almeno 112 morti

Più di 700.000 persone sono state colpite e almeno 112 sono decedute durante le inondazioni nella regione africana del Sahel, dove violenze incessanti avevano già costretto oltre 3,5 milioni di persone a fuggire. L’ UNHCR, agenzia delle Nazioni Unite specializzata nella gestione dei rifugiati, ha intensificato le operazioni per assistere la regione. In tutto il Sahel, le infrastrutture, sono state danneggiate a tal punto da condizionare le risposte dei diversi Paesi al Covid-19 e la capacità di assicurare trattamenti per altre malattie.
Come se non bastasse, le inondazioni hanno distrutto le coltivazioni, aggravando la carenza di scorte alimentari e le vulnerabilità degli agricoltori e delle loro famiglie.
Gli esperti ritengono che le fortissime piogge cominciate ad agosto siano le peggiori da un decennio a questa parte.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI