sabato 25 Maggio 2024

Combattere la siccità con altro cemento: il caso della diga del Vanoi

Da non molto si è tornato a parlare della possibilità di realizzare una diga sul torrente Vanoi, a cavallo tra Veneto e Trentino Alto-Adige. Un’opera strategica per alcuni, pericolosa per altri. Ad ogni modo, un’infrastruttura dalle vaste proporzioni che impatterà un ambiente ancora in gran parte integro. In una visione d’insieme, un torrente come il Vanoi è un’arteria vitale per non vedere disseccata la rete idrografica del Brenta con tutti i territori che alfine ne traggono beneficio. L’opera prevista, tra le altre cose, non farebbe altro che alimentare delle già evidenti tensioni politiche....

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Perchè così spesso i locali, e persino i colleghi di partito, devono combattere contro le idiozie escogitate a ripetizione da Zaia? Perchè nessuno della Lega o comunque del governo non gli dà, magari in sede privata, una regolata? Non credo che queste iniziative, come le precedenti per le olimpiadi invernali, comportino voti o, comunque, approvazioni popolari tali da farlo rieleggere o comunque aiutare il centrodestra a mantenere il governo di queste regioni, vedendo che uno della Lega vuol cementificare e stravolgere il territorio dai ghiacciai ai torrenti, alle foreste, agli animali, o anche qui ci sono progetti economici che rispondono a logiche sovranazionali e sovraeuropee? A chi giova? Non al territorio e ai cittadini di sicuro.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI