sabato 18 Maggio 2024

Google fa arrestare i dipendenti che protestano contro i suoi legami con Israele

Martedì 16 aprile, alcuni dipendenti di Google hanno imbastito una protesta interna ai locali dell’azienda al fine di chiedere al proprio datore di lavoro di rinunciare ad alcune importanti commesse siglate con Israele. La manifestazione è durata circa 10 ore e ha toccato gli uffici di New York, Seattle e Sunnyvale, quindi l’azienda ha chiamato la polizia e sono scattati gli arresti.

I dettagli della faccenda rimangono ancora adesso parzialmente ambigui, poiché la ricostruzione degli eventi si appoggia a due fonti le cui posizioni sono agli antipodi: da una parte c’è il movimento No Tech for Apartheid, il quale ha supervisionato e documentato l’atto di protesta, dall’altra c’è l’azienda stessa, che ha invece l’interesse a ridimensionare l’intero evento. Secondo Jane Chung, portavoce della protesta, gli arresti sarebbero stati comunque almeno nove. Non è comunque chiaro se tutti i detenuti lavorassero effettivamente per il colosso della tecnologia.

Durante la manifestazione, una manciata di dipendenti Google è stata infatti affiancata da un numero sostanzioso di attivisti esterni. All’unisono, le due correnti hanno chiesto la rescissione da parte della Big Tech dei contratti militari, una battaglia che No Tech for Apartheid ricollega direttamente al progetto Nimbus, un patto da 1,2 miliardi di dollari per cui l’impresa tecnologica si è impegnata a fornire a Israele sistemi di cloud e di intelligenza artificiale. 

L’episodio non è che l’esempio più recente delle molteplici azioni di protesta avvenute internamente a Google. Solamente a inizio marzo, l’azienda ha infatti licenziato l’ingegnere informatico Eddie Hatfield, il quale aveva avuto l’ardire di interrompere una presentazione dell’amministratore delegato agli affari israeliani per annunciare il rifiuto “di costruire tecnologia che sostiene il genocidio”. Parallelamente, la Big Tech ha eliminato il contenuto di una message board interna all’azienda in cui i dipendenti avevano iniziato a esplicitare le proprie opinioni in relazione ai controversi contratti militari siglati con Israele. Google aveva considerato i post rimossi come “divisivi”, capaci di essere “distruttivi per il nostro luogo di lavoro”.

Per quanto riguarda il recente arresto, l’azienda ritiene a pieno titolo di aver ragione. “Impedire fisicamente il lavoro degli altri dipendenti e bloccare il loro accesso alle strutture è una chiara violazione delle nostre politiche e pertanto avvieremo un’investigazione e prenderemo le dovute azioni”, ha riferito un portavoce di Google. “Questi dipendenti erano stati messi in congedo amministrativo e gli era stata revocato l’accesso ai nostri sistemi. Dopo aver rifiutato molteplici volte di andarsene, gli agenti di polizia sono stati contattati per rimuoverli al fine di garantire la sicurezza dell’ufficio.

[di Walter Ferri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI