giovedì 20 Giugno 2024

Green pass permanente, il gran pasticcio del governo: approvato e sconfessato in pochi giorni

In Italia torna ad aggirarsi lo spettro del Green pass, sulla cui possibile reintroduzione si è verificato un misterioso cortocircuito da parte del governo. Lo scorso 26 febbraio, infatti, Palazzo Chigi ha varato un nuovo decreto PNRR che contiene una serie di misure in tema di Sanità, tra cui spicca la reintroduzione del “Green pass globale”. Secondo il dettato della norma, si tratterebbe nello specifico di una piattaforma che, nell’ottica di “eventuali emergenze sanitarie” e per facilitare il controllo delle certificazioni sanitarie digitali utilizzabili negli stati aderenti alla rete dell’OMS, “emette, rilascia e verifica” le certificazioni sanitarie digitali individuate dal governo, comprese quelle anti-Covid, che furono ufficialmente introdotte per decreto nel giugno 2021. Sull’onda delle polemiche, il governo ha però deciso di fare marcia indietro, annunciando che, in sede di conversione in legge, sarà presentato un emendamento al testo per riformularlo ed eliminare lo specifico riferimento alla “certificazione verde”.

Il dettato del decreto approvato la scorsa settimana in Cdm appare molto chiaro. “Per far fronte a eventuali emergenze sanitarie, nonché per agevolare il rilascio e la verifica di certificazioni sanitarie digitali utilizzabili in tutti gli Stati aderenti alla rete globale di certificazione sanitaria digitale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) – si legge all’art. 43 della norma –, dalla data di entrata in vigore del presente decreto, la Piattaforma nazionale digital green certificate (Piattaforma nazionale – DGC) di cui all’articolo 9, comma 1, lettera e), del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52”, ovvero quello inerente le certificazioni verdi anti-Covid, “emette, rilascia e verifica le certificazioni” riportate all’art.9 del citato decreto, nonché “le ulteriori certificazioni sanitarie digitali individuate e disciplinate con uno o più decreti del Ministro della salute, adottati di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e previo parere del Garante per la protezione dei dati personali”. Il decreto dà, insomma, mano libera all’esecutivo nella determinazione e regolamentazione di nuove certificazioni che potrebbero essere gestite dalla piattaforma, per il cui funzionamento si garantisce idoneo finanziamento a carico dello Stato. Ancora più chiaro il comunicato stampa diramato da Palazzo Chigi che ha accompagnato l’approvazione del provvedimento, in cui si legge che all’interno del decreto “si introducono misure in materia di salute, e, in particolare, si rafforzano il ruolo e le competenze di Agenas nell’attuazione del progetto PNRR riguardante il Fascicolo Sanitario Elettronico e si consente il riutilizzo della piattaforma creata per la verifica del Green pass, validata a livello europeo, anche per altre e future certificazioni sanitarie”.

In seguito alla pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale, come era ampiamente prevedibile, sono montate le polemiche. È apparso infatti estremamente singolare ai più che le forze di centro-destra, che ai tempi della pandemia non si erano fatte remore a cavalcare il malcontento generale criticando aspramente le misure dei precedenti governi sulla gestione del Covid, abbiano scelto di seguirne la scia, arrivando addirittura a riproporre lo strumento del Green pass per le potenziali emergenze sanitarie del futuro. Sulla questione è allora intervenuto il Ministro della Sanità Orazio Schillaci, che con una netta marcia indietro si è espresso contro la prospettiva dell’introduzione di una nuova “certificazione verde”, sconfessando la stessa nota stampa di Palazzo Chigi. “A seguito dell’approvazione in Consiglio dei Ministri del decreto-legge del 26 febbraio, ritengo utile precisare che il Governo non ha alcuna intenzione di aderire al cosiddetto ‘green pass globale’ dell’OMS – ha dichiarato –. In sede di conversione del decreto-legge, verrà presentato un emendamento per riformulare il testo e ricondurre la norma agli obiettivi Pnrr in tema di salute, a partire dalla piena operatività del fascicolo sanitario elettronico”.

I Green pass concernenti la vaccinazione contro il Covid, il test e la guarigione dall’infezione hanno fatto la loro comparsa nel continente europeo durante la pandemia, divenendo, all’insegna dell’interoperabilità, la soluzione più utilizzata. Nell’estate dello scorso anno, l’OMS ha adottato il sistema Ue di certificazione digitale Covid con l’ambizione di creare un sistema globale che, sulla carta, dovrebbe servire a proteggere la popolazione dalle future minacce sanitarie, pandemie comprese. A ogni modo, l’adesione alla rete mondiale di certificazione sanitaria digitale dell’OMS è ad oggi “volontaria per gli Stati membri dell’Ue”. A parole, l’Italia si è detta contraria. Nel frattempo, però, il testo che ha fatto la sua comparsa in Gazzetta Ufficiale sembra, sul punto, oltremodo esplicito.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

10 Commenti

  1. A questo punto che l’Italia aderisca o meno cambia poco, se altri stati lo accettano tu li senza, in un eventuale emergenza, non entri per cui non vedo che motivo si ha di accusare questo o altro governo, chi comanda è sempre il solito padrone, le convenienze di pochi.

  2. Il giochetto che sta dietro è chiaro: la destra mette in gazzetta il g.p. Viste le polemiche emette emendamento per dire che non applicheranno il decreto pubblicato. La gente si sente tradita da questo governo, e lo manda a casa. Va in carica la sinistra che fa un emendamento per applicare il decreto già presente in gazzetta. Così la dx se ne lava le mani oggi, e la sx da la colpa alla dx domani. Entrambe hanno comunque fatto quello che comanda il padrone, che non si trova in Italia. E gli italiani per l’ennesima volta si trovano incastrati in una schiavitù da dittatura cinese nel giro di qualche anno. Bello governare con il c degli altri, eh?

    • Visto che non si riesco ad editare i commenti onde evitare altre denunce aspetta che specifico meglio và.
      Lo schifo non è verso il ministro ma sul green pass . Su quello sì ho ampio schifo e sdegno visto l’utilizzo fatto per ” trovasi tutti in sicurezza ” o per togliere alla persone il diritto al lavoro.
      Un approfondimento meriterebbe invece sulle continua modalità di decretazione di urgenza ; ma qua abbiamo gli organi di garanzia…..o no ?!

  3. Sarebbe interessante sapere chi ha redatto cosa. Non mi stupirei che funzionari “speranziani” o comunque legati al sistema delle multinazionali sanitarie operino ancora alla grande dentro il ministero. Del resto mi ricordo come il deputato Cortellessa (DP, sono un vecchio…) mi raccontava tanti anni fa, di come un sistema perverso fosse quello di redarre le bozze dei testi legislativi che poi finivano per la stampa sulla Gazzetta Ufficiale. Capitava che sulla Gazzetta fossero così pubblicate, con valore definitivo di legge, normative con senso e finalità magari differenti da quanto era stato discusso in aula. Bastava cambiare una parolina o due, una virgola, poco, quel tanto da mutare senso e principi… Qui pare facciano pure di peggio, nel senso che la maggioranza di governo naviga a vista dando “una botte al cerchio ed una alla mastella” secondo la convenienza del momento. Uno schifo, ma non è purtroppo una gran novità. Ora si sono pure affrettati a fare una leggina per impedire il presentarsi di nuove formazioni alle europee. Un classico, anche questa non è propriamente una novità. Sono sempre loro, ma il paese, nel profondo, ignavo e pronto ad obbedir tacendo, non è poi tanto diverso.

    • Chiaro e conciso, cambiano i personaggi, ma non i fili che li muovono, più invecchio e più mi rendo conto che Andreotti aveva ragione “il potere logora chi non c’è l’ha” mai frase fu più realistica dai secoli nei secoli. Al popolo tocca sempre obbedire che piaccia o no.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI