mercoledì 24 Aprile 2024

È vero che Israele è l’unica democrazia del medio oriente? 

Possiamo dire che Israele, a livello formale, si struttura come una democrazia completa, con libere elezioni, uno stato di diritto e una separazione dei poteri. Tuttavia, per essere considerato veramente democratico, uno Stato deve dimostrare di esserlo anche nella sostanza, perseguendo i principi di uguaglianza, libertà, giustizia, partecipazione e pluralismo e garantendo a tutti, indistintamente dalla propria etnia e religione, determinati diritti fondamentali. Come vedremo più approfonditamente in seguito però, Israele non tutela tutti i cittadini allo stesso modo: gli arabi e i musulmani, ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Bellissimo articolo per come si mettono in risalto le contraddizioni tra democrazia liberale e teocrazia e etnocrazia. Interessanti anche le citazioni belliciste e violente di leader sionisti come Ben Gurion. Peccato che di questo non si parli mai, considerato che sono dichiarazioni (e comportamenti) degli anni ‘’40 e non solo di oggi, dopo l’attacco di Hamas. Risalire la china di un’informazione che sia realmente tale è un percorso lungo e faticoso, per questo credo utile poter diffondere il più possibile, anche da parte di noi lettori, queste informazioni.

  2. E’ impossibile pretendere che un oppresso possa convivere col suo oppressore: cio’ e’ la base di ogni guerra di liberazione. In questo caso e’ come pretendere che l’ “ebreo odierno” (cioe’ il Palestinese) possa convivere col “nazista odierno” (cioe’ l’Ebreo). Netanhyau e’ quindi un coerente “ebreo nazista”…e coi nazisti non si dialoga, ma li si combatte fino all’annientamento perche’ e ‘ l’unico linguaggio che capiscono.

  3. Ottimo articolo che mette in luce le contraddizioni tra Stato Ebraico e democratico.
    Però questa idolazione della demoniocrazia non mi è mai piaciuta, è solo un bollino dato dagli USA agli Stati assoggettati.
    Dovendo scegliere meglio uno Stato Ebraico solamente, purché si prenda la responsabilità di essere un faro anche per i Palestinesi, certo questo richiede prima Netanyahu in galera e i successori al potere.
    Non a caso credo Israele geograficamente è sotto il tacco dell’Italia, basta metterci un po’ di peso, ricordando che non si aiutano i Palestinesi attaccando Israele, ma la pace si ottiene esaltando i meriti di ambedue.

  4. L’unico commento che mi sento di fare e che riguarda esclusivamente gli israeliani è “hanno imparato bene dai nazisti”. Mi vergogno profondamente di essere europeo in questo momento e di vedere come, grazie alla narrazione dominante, molti sono schierati a favore di chi del genocidio fa religione e contro chi tenta di difendere popoli dallo stesso. Una europa (la minuscola è voluta) cosi prona ai desiderata staunitensi non si era mai vista e una classe dirigente europea di cosi scarso valore e orgoglio neppure.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI