mercoledì 24 Aprile 2024

Come il sistema fiscale italiano ha abbandonato la Costituzione premiando i ricchi

Questa settimana, in una ricerca svolta in ambito Bce, Bankitalia ha attestato che, nel nostro Paese, il 5% delle famiglie più ricche possiede circa il 46% della ricchezza netta totale. Ma come è stato possibile? Per comprendere il motivo per cui, in Italia, le disuguaglianze economiche stanno aumentando in maniera vertiginosa, creando una piccolissima classe di ultra-ricchi che controlla porzioni enormi di ricchezza, ci viene in aiuto il nuovo studio congiunto della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Milano-Bicocca, pubblicato sul Journal of the European Economic Association. Il ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Questo è il risultato del fatto che non esiste più un partito politico che sostiene il ceto medio e quello basso.
    Oggi, destra e sinistra sono in alternanza solo per governare. I loro programmi sono totalmente appiattiti su logiche di sfrenato neoliberismo e perfettamente sovrapponibili tra loro.
    A noi, popolo bue, fanno credere di poter scegliere, loro invece continuano imperterriti verso il totalitarismo dove pochi super ricchi comandranno su tutti gli altri.
    E’ di oggi la notizia che altre quote di ENI, Ferrovie, Poste, Enel, ecc saranno “vendute” per pochi spiccioli ai privati. Ovviamente ci tengono a ribadire con forza che il controllo resterà comunque in mano allo Stato (cassa depositi e prestiti); e noi ci beviamo anche questa ennesima menzogna.

  2. Non ho ancora letto l articolo. Ora lo farò…ma al buio vi dò già una risposta attualissima: i finanziamenti vengono dati a cose già fatte, se mai vengono dati. Ovvero: a chi ha GIA i soldi per farle…chi non li ha NON HA POSSIBILTÀ. Ditemi voi se ha logica…una logica ce l ha: quella delle banche. Punto.

  3. Che dire?? Sono indignata come non mai, è vero che i dipendenti (ed io lo sono) che una volta era una meta ambíta, sono quelli più penalizzati! Non è possibile tt questo..come si può invertire la rotta..o cmq ritornare a seguire ciò che viene indicato nella Costituzione?? Una rivoluzione del popolo dovrebbe esserci…ma come smuovere una mandria di pecore?? Ci vogliono i cani da pastore!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI