venerdì 12 Aprile 2024

Nuovi OGM: mezza Europa blocca la deregolamentazione (ma non l’Italia)

I ministri UE dell’Agricoltura non hanno raggiunto la maggioranza qualificata per dare il via libera alle nuove biotecnologie genomiche, ovvero, tutto quell’insieme di tecniche di modifica genetica di ultima generazione che la Commissione UE vorrebbe deregolamentare. Allo stato attuale queste tecniche sono infatti trattate alla pari degli OGM tradizionali, ma l’obiettivo dell’esecutivo UE è quello di cambiare le cose e semplificare così le procedure di autorizzazione. Per il momento, però, circa la metà degli Stati Membri non si è detta d’accordo. A mettersi di traverso sono stati Austria, Croazia, Slovacchia, Ungheria, Germania, Bulgaria, Grecia, Polonia, Romania e Slovenia. L’Italia, dal canto suo, ha votato a favore, mantenendo la solita posizione allineata agli interessi delle grandi aziende. Il ministro dell’agricoltura Lollobrigida – ha commentato la Coalizione Italia Libera da OGM – “ha quindi preferito ancora una volta inseguire le sirene delle lobby agroindustriali, sementiere e agrochimiche, in spregio al principio di precauzione, ai diritti degli agricoltori e dei consumatori”.

Senza contare che il ministro ha poi del tutto ignorato l’importanza, sempre maggiore, del settore del biologico italiano, il quale rischia di essere compromesso proprio da tale deregolamentazione. Le principali perplessità espresse dagli Stati Membri contrari sono infatti relative al non poter garantire una separazione delle filiere biologiche da quelle OGM, così come all’impossibilità di limitare o vietare la coltivazione di OGM a livello nazionale. Un via libera senza limiti potrebbe inoltre portare ad un’ulteriore concentrazione del mercato in un pugno di multinazionali. Per l’approvazione era necessaria una maggioranza pari al 55% dei paesi membri e al 65% dei cittadini europei. Maggioranza per ora non raggiunta, ma che il processo di deregolamentazione venga effettivamente bloccato è tutt’altro che certo. Ad esempio, già il 22 dicembre, quando si terrà una nuova votazione, le cose potrebbero andare diversamente e i nuovi OGM vedere la luce. La proposta, se approvata, creerebbe due nuove categorie di colture geneticamente modificate, la prima considerata equivalente agli OGM convenzionali in termini normativi e la seconda soggetta a una regolamentazione più leggera rispetto a quella attualmente in vigore per le colture OGM di prima generazione.

Allo stato attuale, tutti gli organismi geneticamente modificati sono soggetti ad autorizzazione e, se presenti in determinati prodotti, devono essere sempre segnalati in etichetta. Tuttavia, non appena le nuove tecniche genomiche hanno fatto capolino, Bruxelles ha iniziato a lavorare ad un nuovo quadro normativo che potrebbe non far valere più queste regole per i prodotti alimentari ottenuti con le biotecnologie di ultima generazione. Il principio secondo cui si punta a cambiare le regole è legato al fatto che i nuovi OGM, a differenza degli altri, sono prodotti mediante una tecnologia di editing genetico per cui i tratti delle colture vengono alterati senza che vi sia l’effettivo inserimento di geni estranei. Nel 2018, però fu proprio la Corte di Giustizia Europea a stabilìre che vecchi e nuovi OGM andavano normati ai sensi della medesima direttiva. La ragione, in particolare, andò a diverse associazioni francesi che avevano citato in giudizio il Ministero dell’Agricoltura d’Oltralpe il quale aveva autonomamente esentato i nuovi prodotti biotecnologici dalle regole vigenti. Ad ogni modo, le nuove tecniche transgeniche, o tecnologie di evoluzione assistita, rappresentano delle indubbie conquiste della scienza che, a detta dei legislatori europei, potrebbero contribuire alla sostenibilità delle produzioni alimentari, aumentando la resilienza delle colture ai cambiamenti climatici e riducendo l’uso dei pesticidi. Tuttavia, il dibattito sulla loro effettiva sicurezza, specie in termini di impatto sociale e sulla biodiversità, è ancora vivo a livello scientifico. La diffusione di colture geneticamente modificate, poiché intimamente legate a impattanti pratiche agricole industriali, appare ad esempio in netto contrasto con la salvaguardia di un’agricoltura tradizionale a carattere estensivo. L’imposizione commerciale (e il sostegno politico) di varietà transgeniche minaccia quindi direttamente le pratiche agricole locali di sussistenza, nonché la diversità biologica ad esse legata.

Al contrario, le grandi aziende avrebbero solo che da guadagnare. Le principali del settore – quali Bayer, BASF, Syngenta e Corteva – hanno già presentato addirittura 139 richieste di brevetto per le nuove tecniche di editing genomico sulle piante, allo scopo di acquisire la proprietà esclusiva di varietà vegetali geneticamente modificate per vent’anni e rivenderle agli agricoltori. In tutto ciò, il Belpaese ha già scelto da che parte stare. E lo ha fatto nonostante sia ormai leader dell’agricoltura biologica in Europa. Poco importa quindi se le colture biologiche potrebbero essere minacciate da un flusso genico incontrollato tra colture modificate e colture tradizionali. Già a giugno, la maggioranza ha ad esempio dato il via libera alla sperimentazione in campo di organismi derivanti dalle tecnologie di evoluzione assistita. Una novità per l’Italia che, aderendo strettamente al principio di precauzione, ha per oltre vent’anni vietato sul proprio territorio sia la coltivazione che la sperimentazione di organismi geneticamente modificati.

[di Simone Valeri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Giù le mani dall’Italia e dal Biologico, maledetti!
    State mandando alla rovina, in ogni ambito, un paese eccellente, che potrebbe essere, tra le altre cose, un fulgido esempio di sviluppo sostenibile.
    E voi Italiani, svegliatevi, capite cosa sta succedendo e date valore a ciò che veramente è importante, scegliete di dare energia a ciò che viene fatto col cuore, anche se costa un po’ di più. Nel fare questo, mettiamo sabbia negli ingranaggi di questo Sistema perverso.

    • Vero, sono dei maledetti che svendono ciò che di più bello e sano abbiamo. La nostra terra, le nostre eccellenze. Mettiamo “sabbia negli ingranaggi” scegliendo di fare, per esempio, un piccolo orto per chi ha la possibilità, e chi non ha spazio ma ha un balcone può coltivare in vaso numerose verdure e piante aromatiche. Ci sono infinite soluzioni che si trovano su youtube, dal coltivare un piccolo orto al piccolo balcone. E’ una piccola “rivoluzione” verso coloro che ci hanno detto che anche coltivando l’orto si inquina l’ambiente. Siamo in mano a persone prive di senno che ci svendono per i loro sporchi e maledetti interessi personali.
      Sarebbe più corretto che si precisasse, nei vari articoli, che certe scelte vengono fatte “dal governo italiano” evitando di scrivere “l’ Italia sceglie di” perchè, a quanto pare, le scelte di questo scellerato governo non ha niente a che fare con noi italiani. Sia per quanto riguarda l’agricoltura sia per quanto riguarda altre decisioni che prendono autonomamente, fregandosene di ciò che pensiamo. Quindi le scelte sciagurate che questo governo traditore fa non corrispondono a ciò che gli italiani vogliono.
      E la protesta degli agricoltori lo sta dimostrando. Finalmente!

  2. Attuare o cercare di attuare scelte del genere letteralmente senza saper valutare le possibili conseguenze non è dimostrazione di competenza né di prudenza e tantomeno di intelligenza. Ma siamo talmente privati della nostra reale “sovranità” che ormai questo non sorprende. Continuiamo a compiacere le grandi aziende e in generale i prepotenti.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI