lunedì 26 Febbraio 2024

Salmonella nelle uova fresche, richiami in tutta Italia: ecco marche e lotti interessati

Negli ultimi giorni è scattato un nuovo allarme sulla presenza di salmonella nelle uova fresche in supermercato. A fine novembre le catene Carrefour, Pam Panorama ed Esselunga hanno infatti segnalato il richiamo da parte del produttore di tre lotti di uova fresche di categoria A da allevamento a terra a marchio Fiordovo Tigullio a causa di “rischio microbiologico”. Nelle uova, è stato reso noto in un aggiornamento, è presente Salmonella Typhimurium. Tale prodotto è venduto in confezioni da 6 uova. Pochi giorni dopo, i supermercati Coop, Il Gigante, Bennet, Carrefour, Esselunga, Iperal e Migross hanno poi segnalato il richiamo di altri due lotti del medesimo prodotto. Le uova fresche richiamate sono state prodotte dall’azienda Centrale del Latte d’Italia Spa e il centro di imballaggio si trova in via dei Riali 4, a Bedizzole, in provincia di Brescia (il marchio di identificazione è IT 017083). Sempre a causa della presenza di Salmonella, il Ministero della Salute, così come i supermercati Coop, hanno segnalato il richiamo da parte del produttore di diversi lotti di uova fresche da allevamento all’aperto a marchio Avicola Valle Santa. Le uova richiamate sono vendute in cartoni da 6 pezzi (330 grammi circa). Ieri, un terzo e un quarto richiamo: questa volta, le marche interessate sono quelle delle uova fresche da allevamento a terra di Antiga, in cartoni da sei pezzi, e Metro Chef, in confezioni da 90 pezzi. Il produttore è Fattorie Roberti Srl, mentre il centro di imballaggio è sempre quello di via dei Riali 4, a Bedizzole.

Nel caso del prodotto a marchio Fiordovo Tigullio, ecco la lista dei lotti ritirati:

  • BA 819-1 MR (data di scadenza 12/12/2023)
  • BA 820-1 MR (data di scadenza 12/12/2023)
  • BA 820-2 MR (data di scadenza 13/12/2023)
  • BA 821-1 MR (data di scadenza 14/12/2023).
  • BA 824-4 MR (data di scadenza 14/12/2023)

Per quanto riguarda il prodotto a marchio Avicola Valle Santa, i lotti ritirati sono:

  • A202311 (data di scadenza 18/12/2023)
  • A212311 (data di scadenza 19/12/2023)
  • A222311 (data di scadenza 20/12/2023)
  • A232311 (data di scadenza 21/12/2023)
  • A242311 (data di scadenza 22/12/2023)
  • A262311 (data di scadenza 24/12/2023).

Nel caso del prodotto a marchio Antiga, il lotto ritirato è il seguente:

  • BA 821-1 MR (data di scadenza 14/12/2023)

Il lotto del prodotto a marchio Metro Chef che è stato ritirato è invece:

  • BA 821-2 MR (data di scadenza 13/13/2023)

La notizia non deve destare isteria in chi ha comprato uova a marchio Fiordovo, Avicola, Antiga o Metro Chef, poiché i prodotti a rischio sono soltanto quelli collegati ai lotti indicati. Ma, essendo possibile che alcune delle confezioni in questione siano già state acquistate al supermercato, alla luce di quanto attestato e comunicato da aziende produttrici, catene di supermercati e Ministero della Salute è quantomeno opportuno controllare il lotto di riferimento dei prodotti che si trovano in casa. I consumatori che abbiano comprato una o più unità dei marchi e dei lotti segnalati sono tenuti a non consumarle e a restituirle al punto vendita di riferimento.

La salmonella è un batterio di forma bastoncellare che appartiene alla famiglia delle Enterobatteriaceae. Le salmonelle hanno come habitat il tratto intestinale dell’uomo e degli animali e la loro diffusione nell’ambiente è conseguente a contaminazione fecale. La malattia scaturente dall’azione del patogeno, la salmonellosi, provoca nell’uomo sintomi che fanno la loro comparsa dopo circa 12-72 ore dal consumo di un alimento infetto e si presentano come diarrea, febbre e dolori addominali. Nella maggior parte dei casi la malattia si risolve in pochi giorni senza dover fare uso di farmaci, ma nel caso di soggetti vulnerabili come neonati, anziani e individui con sistema immunitario compromesso potrebbe essere necessario il ricovero ospedaliero.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI