venerdì 19 Luglio 2024

Zainetti griffati dall’Esercito: la militarizzazione dell’immaginario sbarca nelle scuole

L’azienda Giochi Preziosi, in collaborazione con il marchio Esercito, ha lanciato sul mercato una linea di zaini e prodotti per la scuola marchiati Folgore, Alpini ed Esercito, con lo slogan “L’esclusiva collezione zaini esercito per sentirsi sempre in missione”. L’iniziativa è finita nel mirino dell’Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole, che ha lanciato una campagna di protesta. “Le aule non sono una caserma”, sottolinea l’Osservatorio, che invita tutti a boicottare i prodotti. “Deve essere chiaro che le finalità educative della scuola sono assolutamente inconciliabili non solo con la presenza dei militari nelle nostre aule, ma anche con tutto un linguaggio di stampo militare che nulla ha a che vedere con le attività didattiche quotidianamente portate avanti da docenti e alunni. Chiediamo inoltre a genitori, studenti e studentesse di non acquistare i suddetti zaini scolastici”.

Come fatto notare dall’Osservatorio, l’azienda Giochi Preziosi dispone di un proprio codice etico il quale, all’art. 1.2, recita che “opera altresì nell’ambito dei principi posti a tutela della libertà e dignità dell’uomo dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite)”. Valori tra i quali certo non compare la guerra. L’ingerenza dell’Esercito nel percorso scolastico e nell’immaginario studentesco è, d’altronde, sempre più pervasiva, come dimostrano le numerose attività promosse durante lo scorso anno scolastico, tra Open day delle basi militari e percorsi di alternanza scuola-lavoro nelle basi NATO. Il tutto mentre nell’aria si respira una crescente minaccia di guerra, che le istituzioni delineano sempre più come il mezzo idoneo per risolvere le controversie internazionali.

Proprio la presenza sempre maggiore negli ambienti educativi destinati ai più giovani ha portato alla creazione dell’Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole, che spiega come “Presentare le attività scolastiche come ‘missione’ lascia presupporre una pericolosa frana culturale che trasforma la scuola in caserma e gli alunni e le alunne in militari in erba”. Per tale motivo, l’Osservatorio ha lanciato l’appello a non acquistare gli zaini con il suddetto marchio e chiesto a Giochi Preziosi di ritirare la collezione.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI