sabato 25 Maggio 2024

In Sicilia l’alternanza scuola-lavoro si farà anche alla base NATO di Sigonella

Nella mattinata di martedì 7 febbraio è stato siglato l’accorso quadro tra il 41° Stormo dell’Aeronautica Militare italiana, che ha sede nella base militare di Sigonella, e sette istituti scolastici della Sicilia orientale. In questo modo oltre 350 studenti potranno ora svolgere percorsi di alternanza scuola-lavoro (i cosiddetti percorsi di PCTO) all’interno della base militare NATO di Sigonella, dedicandosi in particolare alle attività di riparazione e manutenzione dei veicoli di guerra. L’iniziativa è stata immediatamente contestata dagli attivisti NoWar siciliani, dai sindacati di base del personale scolastico (tra i quali Cobas e Usb), dall’Arci Sicilia e dal Movimento No MUOS, che chiedono lo stop una volta per tutte alla militarizzazione della scuola.

Un’intesa simile in Sicilia era già stata siglata con il Comando Militare dell’Esercito per l’anno scolastico 2021/2022. In questo modo l’Ufficio Scolastico Regionale intendeva modificare e ampliare l’offerta formativa, per potervi includere una varietà di attività da svolgersi tra i reparti dell’Esercito. Recentemente, inoltre, una polemica simile era stata scatenata dopo che era emersa l’autorizzazione dello svolgimento di alcuni PCTO all’interno di aziende che producono armi. Al riguardo è stata anche presentata un’interrogazione parlamentare, rivolta dai senatori Ilaria Cucchi e Peppe De Cristofaro al ministro dell’Istruzione Valditara, che hanno espresso perplessità riguardo la sicurezza dei ragazzi destinati a questo tipo di percorsi e per la compatibilità di tali percorsi con quello etico e pedagogico proprio delle scuole.

A queste iniziative si va ora ad aggiungere l’intesa con l’Aeronautica Militare, la quale procede in una direzione volta a una crescente normalizzazione della commistione tra ambiente scolastico e militare. I percorsi di alternanza scuola-lavoro, in quest’ultimo caso, verranno organizzati fra marzo e maggio di quest’anno. Arci Sicilia, la quale definisce quanto sta accadendo nell’isola “un’operazione di marketing comunicativo in grado di condizionare le coscienze e magari presentare tutto ciò come opportunità di sviluppo e lavoro”, ha dichiarato che “Non è pensabile che la scuola, che deve caratterizzarsi come luogo di costruzione di pace, di rispetto della Costituzione, di educazione alla cittadinanza, individui un ambiente di morte come sito privilegiato per avvicinare i giovani degli ultimi anni delle scuole superiori al mondo del lavoro”. Alle critiche si aggiunge anche l’Unione sindacale di base, che specifica come “Tutto ciò non accade per caso, e soprattutto accade in una Sicilia avamposto militare degli USA, della NATO e dello Stato italiano non solo nel Mediterraneo, come dimostra la guerra attualmente in corso in Ucraina e come aveva già dimostrato la guerra nei Balcani”.

La notizia arriva in contemporanea con l’annuncio da parte di Washington di voler ampliare la base di Sigonella. In particolare, il Pentagono avrebbe affidato alla Environmental Chemical Corportation (ECC) di Burlingame, in California, un contratto da 20,2 milioni di dollari per ammodernare le vie di rullaggio e i piazzali della stazione aeronavale siciliana. Tutti segnali che non possono non far pensare a una progressiva militarizzazione in più ambiti della regione meridionale.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Che schifo. Mi chiedo quando sarà il momento in cui diremo “adesso è troppo”. Invece di far sviluppare delle coscienze che migliorino questo mondo tramite la pace, il rispetto e la consapevolezza, stiamo creando coscienze ignoranti che odiano e che grazie anche ad alcuni videogame gli facciamo pensare che uccidere sia divertente e “figo”. E tutto questo neanche per difenderci da una minaccia reale no, li stiamo preparando a partecipare a una guerra che ha il solo scopo di arrichhire i soliti quattro deficienti che in nome dei soldi brucerebbero vive anche le loro madri.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI