martedì 18 Giugno 2024

Se paghi salti la fila al pronto soccorso: la sanità neoliberista arriva a Bergamo

Il Policlinico San Marco, in provincia di Bergamo, facente capo al Gruppo San Donato, ha attivato il servizio di pronto soccorso a pagamento: si tratta della possibilità di sottoporsi a visite mediche e ad eventuali esami diagnostici senza bisogno di prenotazione. Lo stesso, inoltre, permette di saltare la coda ai pronto soccorsi per tutti quei casi non urgenti a cui sarebbero assegnati i codici bianchi o verdi pagando una cifra di 149 euro. Si tratta, dunque, di un ulteriore passo verso la privatizzazione della sanità come conseguenza del suo graduale e incessante processo di definanziamento pubblico, inaugurato a partire dall’epoca della “spending review” di Mario Monti e destinato a ingrassare le tasche dei privati, rendendo – di fatto – un servizio efficiente e disponibile solo per le fasce più abbienti della popolazione. Non si tratta comunque del primo caso di questo tipo: servizi simili, infatti, sono già stati attivati a Milano e a Brescia.

Il Gruppo San Donato, sul suo sito Internet, resta sul vago e parla di «Ambulatorio ad accesso diretto». Ha specificato, inoltre, che si tratta di un «servizio sperimentale» che sarà attivo cinque giorni su sette, dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18. Per prestazioni sanitarie che non hanno carattere d’urgenza, il paziente presso l’ambulatorio potrà ricevere assistenza da diversi specialisti, quali ortopedico, chirurgo polispecialistico, odontoiatra e urologo. Oltre ai 149 euro per la visita, si aggiungono i costi relativi ad eventuali esami diagnostici di 1° e 2° livello e strumentali stabiliti dallo specialista a seguito del controllo. Il servizio mira a colmare le ormai sempre più evidenti lacune del sistema sanitario pubblico afflitto dalla mancanza di personale sanitario, di strumentazione e spazi adeguati all’assistenza di tutti i pazienti. Una spinta ideale all’incremento del business privato nel settore sanitario.

Per denunciare questa situazione di squilibrio tra pubblico e privato a favore del secondo, è intervenuto il segretario provinciale della Funzione pubblica della Cgil Giorgio Locatelli: «È la sanità per ricchi figlia del depotenziamento della sanità pubblica territoriale», ha affermato, aggiungendo anche che «Al San Marco volano bassi perché si rendono conto della spregiudicatezza dell’operazione. Alla base c’è il sistema perverso di regole impostato da oltre 25 anni dalla Regione, in cui pubblico e privato giocano su tavoli separati a vantaggio del secondo, che si accredita per quello che reputa conveniente e poi si butta sugli spazi rimasti liberi». A criticare l’iniziativa c’è anche la onlus Medicina democratica che sta raccogliendo firme per un referendum sulla sanità pubblica: «Questo servizio è la dimostrazione di come la sanità privata si infili nelle pieghe dell’inefficienza pubblica, creando disparità di trattamento e agevolazioni per chi può permettersele economicamente, e di fatto pazienti di serie A e di serie B», ha dichiarato il referente Erik Molteni.

Quello dei pronto soccorsi a pagamento rappresenta uno dei risultati più evidenti del processo di smantellamento del Sistema sanitario nazionale e si può considerare l’anticipazione della sanità del futuro nel suo complesso se non ci sarà un’inversione di tendenza in quest’ambito. Si tratta della vittoria del neoliberismo e del business sullo stato sociale e sulla cura e i servizi ai cittadini.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

9 Commenti

  1. Non so cosa costi un’assicurazione privata per la salute in Italia, vivo in Grecia dove con 1500 euro all’anno ho una copertura dignitosa, non avendo io diritto ad alcuna assistenza pubblica. Ma se vivessi in Italia mi informerei perché non sarei disposta a pagare 149 euro, al pronto soccorso, poi, cioè quando ne hai più bisogno…

    • Il giorno che la sanità pubblica venisse completamente smantellata i privati potranno alzare i prezzi a loro piacere, facendo cartello, come già visto in altri settori, il nostro governo prende ordini da Bruxelles in quanto a privatizzare il patrimonio pubblico.

  2. Dal lunedì al venerdì…il fine settimana al pronto soccorso pubblico (le giornate più critiche). La sanità del futuro è questa. Basta un piccolo dispositivo di legge che impedisca di aprire un pronto soccorso solamente feriale ed ecco che tutti quei medici in fuga da un servizio pubblico così degradato per incapacità e corruzione politica, che non lavorano per i pazienti ma esclusivamente per il proprio tornaconto, ci penseranno due volte a cambiare casacca.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI