venerdì 19 Luglio 2024

Regno Unito e Israele hanno firmato un nuovo partenariato strategico

Israele e il Regno Unito hanno firmato un accordo che sancisce e consolida la loro storica e naturale alleanza, rafforzandone la cooperazione strategica commerciale e militare, confermando però allo stesso tempo la complicità della Gran Bretagna nell’apartheid effettuato dallo Stato ebraico ai danni dei palestinesi. L’accordo, denominato Roadmap 2030 per le relazioni bilaterali tra Regno Unito e Israele, è stato siglato lo scorso marzo, ma solo ora tutti i dettagli sono stati resi noti. Esso comprende una serie di punti fondamentali, tra i quali il commercio e gli investimenti, la difesa e la sicurezza e i problemi dell’antisemitismo e dei pregiudizi antisraeliani. Nessun riferimento, invece, alla questione della violazione dei diritti umani verso i palestinesi: il Regno Unito, al contrario, si rifiuta di riconoscere Israele come uno “Stato di apartheid”, impegnandosi, invece, a lavorare con lo Stato sionista «per affrontare l’esclusione di Israele dal Consiglio dei diritti umani e da altri organismi internazionali».

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, infatti, sta indagando sulle violazioni dei diritti umani nei territori palestinesi occupati e in tutta la Palestina occupata dal 1948. L’indagine è aspramente criticata dai politici israeliani in quanto sarebbe “antisemita”. Non sono mancate le reazioni dei gruppi e delle ONG britanniche “filopalestinesi” all’accordo di partenariato tra le due nazioni: «Questo spaventoso documento cancella i palestinesi dal quadro, senza fare alcun riferimento all’intensificarsi della violazione dei loro diritti da parte del governo Netanyahu e alla rivendicazione di Israele sull’intera Palestina storica, a dispetto del diritto internazionale. In questo momento, promettere di approfondire le relazioni con Israele piuttosto che ritenerlo responsabile, dà a Netanyahu il via libera per continuare a consolidare le politiche di apartheid israeliane», ha dichiarato Kamel Hawwash, presidente della Palestine Solidarity Campaign (PSC).

Per quanto riguarda la parte commerciale, la Roadmap 2030 prevede la massimizzazione del commercio con Israele attraverso un accordo di libero scambio potenziato e più ambizioso, grazie all’eliminando delle barriere doganali. L’obiettivo dell’Accordo di libero scambio Regno Unito-Israele (ALS) è quello di ottenere risultati ambiziosi che migliorino il commercio di servizi, servizi finanziari e stato di riflessione sull’innovazione come superpoteri tecnologici. Al riguardo, il Gran Bretagna-Israele Investment Group (BIIG) lavorerà a progetti tecnologici congiunti sia Medioriente che nel sud-est asiatico: «BIIG ha il potenziale per favorire gli sviluppi in aree specifiche del Medio Oriente e del sud-est asiatico, avvicinandole all’orbita delle economie di libero mercato» e «mirerà a promuovere le capacità uniche di Israele e Regno Unito per affrontare le sfide regionali, in particolare nei settori della sicurezza alimentare e idrica». Inoltre, l’accordo ribadisce anche l’obiezione del Regno Unito al movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni e il suo impegno «a porre fine a qualsiasi campagna di questo tipo da parte di enti pubblici, anche attraverso la legislazione».

Una delle parti più allarmanti del progetto è tuttavia quella che riguarda gli armamenti, la sicurezza e l’intelligence: la Gran Bretagna, infatti, intrattiene un florido commercio di armi con Israele. Secondo War on Want , un’organizzazione no profit britannica che mira a combattere le cause profonde della povertà, Londra ha approvato quasi 500 milioni di dollari di tecnologia militare e esportazioni di armi in Israele dal 2016 al 2021 e il nuovo accordo Regno Unito-Israele promette l’intensificarsi di questo commercio. L’accordo prevede, inoltre, anche il rafforzamento delle relazioni di sicurezza informatica, ambito all’interno del quale il primo ministro britannico, Rishi Sunak, detiene peraltro importanti interessi economici: la moglie di Sunak, Akshata Murty , possiede, infatti, una partecipazione dello 0,93% in Infosys – una società informatica indiana fondata dal suocero di Sunak, NR Narayana Murthy – e raccoglie 11,5 milioni di sterline (più di 14 milioni di dollari) in dividendi annuali dalla società. Quest’ultima è strettamente legata all’esercito israeliano, poiché impiega solo ex militari israeliani, ed è co-diretta dall’imprenditore israeliano Uri Levine, che ha prestato servizio nell’unità di intelligence militare israeliana 8200 , un’agenzia d’élite responsabile della raccolta di informazioni private sui palestinesi. Il suocero di Sunak, fondatore di Infosys, intrattiene anche legami con i reali inglesi, tra cui il principe Andrea, accusato di pedofilia.

Sebbene il legame tra Israele e Regno Unito sia storico, risalente a ben prima della Dichiarazione Balfour del 1917 in cui si stabiliva la volontà di creare lo Stato ebraico in Palestina, la Roadmap 2030 arriva in un momento in cui le critiche a Israele per la violazione dei diritti dei palestinesi sono notevolmente aumentate. Il governo Netanyahu, infatti, ha intensificato le violenze contro i palestinesi, per i quali il 2022 è stato l’anno a più alto tasso di mortalità dal 2004: ne sono stati uccisi, infatti, circa 146 e quest’anno potrebbe essere ancora più fatale, in quanto solo nei primi tre mesi ne sono stati uccisi 89, secondo i dati delle Nazioni Unite. Per questo, le associazioni per i diritti umani e le ONG filopalestinesi hanno duramente criticato l’accordo tra i due Stati e la decisione del Regno Unito di non considerare i comportamenti discriminatori di Israele nei confronti dei palestinesi. L’associazione Friends of Al-Aqsa (FOA) ha affermato che «Il governo britannico ha la responsabilità di chiamare Israele per quello che è – uno Stato di apartheid – e di imporre sanzioni a Israele per le sue flagranti e ripetute violazioni del diritto internazionale e sistematiche violazioni dei diritti umani».

Israele e Regno Unito formano l’asse portante dell’anglo-sionismo insieme alla NATO, la quale non di rado ha compiuto operazioni militari anche per conto dello Stato ebraico, specie in Medioriente.

[di Giorgia Audiello]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Cito l’affermazione della FOA: il governo britannico ha la responsabilità di …chiamare Israele per quello che è …e di… imporre sanzioni… Attenzione ! Mancano ben due NON… Così si travisa completamente il senso dell’ affermazione! La mia insegnante di Italiano al Liceo mi ripeteva di rileggere il testo almeno due volte…

  2. Forse Israele, tanto attenta e meticolosa nel cercare i suoi carnefici tedeschi, si è dimenticata del 11 luglio 1947? Il suo desiderio di vendetta e la sua voglia di premiare i collaboratori ha qualche lato oscuro o qualche piccola pecca? Forse dimenticano tutto quello che fecero gli Inglesi per fermare la Exodus che andava ad occupare i territori dei palestinesi? L’esercito, i caccia che sparavano sul ponte della nave piena di ebrei? Si sa benissimo che di li a poco anche in Israele il razzismo coloniale inglese avrebbe avuto il sopravvento e continua anche oggi. Lo sappiamo che tra fratelli ci si aiuta.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI