giovedì 30 Maggio 2024

L’Italia che funziona: al primo posto in Europa per economia circolare

Tra le prime cinque economie dell’Unione europea, l’Italia è il Paese leader della circolarità. Lo afferma la quinta edizione del Rapporto nazionale sull’economia circolare, che prende in considerazione sette indicatori: tasso di riciclo dei rifiuti, tasso di utilizzo di materia proveniente dal riciclo, produttività delle risorse, rapporto fra la produzione dei rifiuti e il consumo di materiali, quota di energia da fonti rinnovabili sul consumo totale lordo di energia, riparazione e consumo di suolo. Per ognuno di questi fattori, gli esperti del Circular Economy Network hanno assegnato da 0 a 5 punti, a seconda delle performance dei Paesi coinvolti. L’Italia, forte dei suoi 20 punti, ha conquistato il primo posto, mentre Spagna (19) e Francia (17) hanno chiuso il podio staccando Germania (12) e Polonia (9). Ad ogni modo, i dati riportati dal rapporto indicano un peggioramento dell’indice globale di circolarità dell’economia mondiale, passato dal 9,1% del 2018 all’8,6% del 2020. Le stime per l’anno corrente parlano di un assestamento intorno al 7,3%.

Classifica di circolarità. Fonte: Rapporto sull’economia circolare in Italia

L’espressione economia circolare definisce un sistema di produzione e di consumo in grado di rigenerarsi, riducendo gli sprechi e garantendo un certo livello di sostenibilità. Per misurare il grado di circolarità di un’economia, il Circular Economy Network ha messo a punto una valutazione basata su 7 indicatori. L’Italia ha raggiunto ottimi risultati (5/5) nel riciclo dei rifiuti e nella produttività delle risorse (l’uso efficiente dei materiali), mentre ha registrato una performance decisamente insufficiente (1/5) nel rapporto tra rifiuti e consumo di materiali e nel consumo di suolo. Secondo i dati ISPRA, l’Italia ha perso nel 2021 circa 19 ettari di suolo al giorno, vale a dire il valore più alto degli ultimi 10 anni. Il mancato contrasto politico al fenomeno favorisce, tra le altre cose, gli eventi metereologici estremi, come quello che sta interessando l’Emilia-Romagna.

Nel rapporto del Circular Economy Network è emersa una certa consapevolezza da parte degli italiani sull’importanza dell’economia circolare. Il 70% dei cittadini ritiene che l’acquisto di un prodotto usato ricondizionato o rigenerato comporti benefici ambientali con minor consumo di risorse e minore produzione di rifiuti. Tuttavia, il 31% considera questi prodotti difficili da trovare, meno affidabili (36%) e meno duraturi (46%). Non mancano, inoltre, i pregiudizi nei confronti di questo sistema produttivo e di consumo: un italiano su quattro associa l’acquisto di merce usata a un basso status sociale.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI