sabato 20 Luglio 2024

Cos’è l’AI Act che l’Unione Europea si appresta a varare

Quando si parla di tutele digitali europee la mente corre immediatamente al GDPR, quel corpus di leggi che dovrebbe tutelare la privacy informatica dei cittadini, ma che fin troppo spesso si scontra contro le reticenze di interessi economici tanto consolidati, quanto resistenti al cambiamento. Lontano dal discorso pubblico generalista, l’Unione Europea sta però lavorando a molteplici leggi che potrebbero rivoluzionare l’applicazione dei mezzi e degli strumenti che oggi popolano il web e non solo. Tra le molte iniziative al centro dell’attenzione UE, una di quelle che sta più catalizzando l’att...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Due settimane per redigere un documento da presentare alla CE. Poco per valutare appieno gli impatti, i rischi, i benefici e le incongruenze di una serie di norme che impattano così profondamente sui cittadini. La fretta, si sa, è una cattiva consigliera. I”nostri” delegati vorranno probabilmente terminare i compiti prima che arrivi luglio. Non sia mai che si debba perdere qualche giorno di meritato riposo…

    • Guarda Walter, onestamente il tema è così controverso da farmi temere che una discussione molto lunga avrebbe prodotto un guazzabuglio di regole e regolette, le une poste a contenere le altre, cavilli e cavillucci che forse è meglio un insieme di norme “di base”, venute fuori forse in tempi troppo stretti (oggettivamente la materia richiederebbe un’analisi ben più approfondita) piuttosto che lasciare spazio a mesi di pressing delle varie tendenze politiche e lobby commerciali. Forse…

  2. Che il Gdpr sia poco applicabile “a un panorama in cui la fuga dei dati è ormai stata normalizzata al punto da non destare più scandalo alcuno” scusate ma é semplicemente una scemenza immane. Per il resto un ottimo articolo, molto equilibrato e dettagliato

    • Saluti Marco,

      Sono Walter, l’autore dell’articolo. Colgo l’occasione del tuo commento per aprire una parentesi qui nella sezione commenti, anche perché sono sinceramente curioso del confrontarmi sul come queste tematiche vengano percepite dalle varie persone. Dal canto confermo che l’affermazione da te citata sia provocatoria, ma non falsa. Trovo che il GDPR sia uno strumento importantissimo – ma non sempre rispettato -, tuttavia negli anni sono comunque emersi documenti e testimonianze che hanno evidenziato come le grandi aziende operanti nel settore della raccolta dati stiano cercando di plasmare il discorso pubblico al fine di attenuare i contraccolpi all’immagine riguardanti alle fughe di informazioni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI