venerdì 14 Giugno 2024

Dodici città italiane chiedono una legge urgente per limitare Airbnb

Dodici sindaci hanno lanciato un appello al governo affinché intervenga regolamentando, con una legge, gli affitti brevi, il settore finito ostaggio delle piattaforme online come Airbnb. In Italia, gli annunci extra-alberghieri stanno vivendo una crescita esponenziale: sono passati dall’essere 20mila nel 2011 a toccare la cifra dei 700mila nel 2022. Tale impennata «ha avuto come effetto collaterale quello di alterare le dinamiche immobiliari, in particolare nelle località a più spiccata vocazione turistica, con la crescente difficoltà per famiglie, lavoratori, studenti a trovare un appartamento», ha dichiarato il primo cittadino di Rimini, Jamil Sadegholvaad. In attesa di una risposta da parte del governo Meloni, si sono attivate le Regioni discutendo proposte di legge in materia, mentre lo scorso gennaio, nel capoluogo toscano, è stato lanciato il referendum comunale sull’urbanistica “Salviamo Firenze”.

A Venezia, soltanto su Airbnb, ci sono 1.400 alloggi affittati per 250 giorni l’anno, a Firenze e Milano quasi 1.600 mentre a Roma la cifra supera la soglia dei 3mila. Lo status di tali appartamenti, che restano sfitti per un terzo dell’anno, contribuisce alla riduzione dell’offerta immobiliare per studenti, lavoratori e famiglie. Non è difficile comprendere il motore della turistificazione: affittare un appartamento per brevi soggiorni durante l’anno è più remunerativo che impegnare lo stesso stabile con ospiti di lungo periodo. Tale logica, lasciata a sé, ha però contribuito all’emergenza abitativa in cui oggi si ritrova l’Italia (e non solo), con un numero crescente di famiglie impossibilitate a vivere nei centri città e di studenti e lavoratori costretti a declinare opportunità didattiche e occupazionali a causa di costi proibitivi o dell’assenza di alloggi. Per questo motivo sempre più città italiane invocano l’azione governativa per limitare il fenomeno, raggiungendo un equilibrio tra le parti. L’auspicio degli enti minori è che l’esecutivo, nel redigere la legge nazionale, si ispiri alla bozza formulata dal movimento Alta Tensione Abitativa, estendendo dunque “l’esperimento di Venezia” a tutta Italia. Durante il governo Draghi, alla città lagunare è stato infatti conferito uno status particolare (non ancora applicato), che le permette di fissare un tetto massimo agli alloggi destinati agli affitti turistici.

L’auspicata libertà di manovra lasciata ai sindaci nel decidere quanti e quali freni porre a livello locale dovrà rispondere alla necessità di «autorizzare gli affitti brevi sopra i 90 giorni, emettendo licenze all’interno di una programmazione della città in cui si individuano le zone in cui è possibile farlo. Qualcosa di simile al decreto UNESCO sul commercio nel centro storico», ha dichiarato il sindaco di Bologna Matteo Lepore. Il tutto puntando all’ambizioso obiettivo di rendere l’affitto breve un integratore del reddito, secondo il principio: “un proprietario, un affitto”. L’attacco è rivolto ai cosiddetti “grandi player”, gli host che gestiscono decine di appartamenti. A Milano, ad esempio, i primi 50 host su Airbnb gestiscono insieme il 15% degli annunci totali. La richiesta dei sindaci, se giungerà a Palazzo Chigi, incontrerà l’ostacolo delle associazioni turistiche nonché della stessa maggioranza, dove la ministra del Turismo, Daniela Santanchè, si è già detta contraria all’idea di dare ai Comuni più densamente turistici la possibilità di autogestirsi in materia.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Qualche limitazione ragionevole non è “dittatura”. Il liberismo ha distrutto le nostre società, si può sperare che non distrugga anche le nostre belle città turistiche? Ma servono normative coerenti, con obbiettivi chiaramente definiti. La casa per integrare un reddito, magari insufficiente, non è da reprimere, la speculazione sì.

  2. Bene andiamo sempre più verso la dittatura. Io ionvece sono sempre stato per il libero mercato: se ho un immobile devo essere libero di affittarlo a chi voglio (potendo anche escludere chi non mi sta simpatico/a ad esempio perchè ha i capelli rossi)quando voglio e per il periodo che voglio determinandone il prezzo. Unico obbligo pagare le tasse.

    • Buon giorno, vivo a Venezia Centro storico, uno di quei luoghi dove, con la complicità della P.A., ciascuno è stato libero di considerare la casa come investimento e, peggio, come oggetto di speculazione.
      Il risultato è una città che si sta velocemente spopolando e svuotando delle normali attività che rendono possibile la vita residenziale. Nessun comune cittadino è più in grado di acquistare o affittare un appartamento a causa di prezzi assolutamente inabbordabili.
      Forse sarebbe il tempo di ritornare a concepire la casa come bene primario, prima che come oggetto di speculazione!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI