mercoledì 19 Giugno 2024

Gli stipendi devono crescere poco: il governo Meloni lo ha scritto davvero

Il governo Meloni tutelerà la “moderazione della crescita salariale per prevenire una pericolosa spirale salari-prezzi”, come si legge nel comunicato stampa dell’ultimo Consiglio dei ministri. In poche parole, gli stipendi devono crescere poco perché tanto, prima o poi, l’inflazione si arresterà risolvendo il problema. A pagarne le spese, nel frattempo, è il potere di acquisto degli italiani che per sopravvivere tra inflazione e caro vita devono attingere ai propri risparmi. Dopo quattro anni di aumenti costanti, nel 2022 il saldo totale dei conti correnti delle famiglie è infatti diminuito di quasi 20 miliardi di euro. In continuità con la linea della “moderazione”, il governo Meloni ha deciso di destinare 3 miliardi di euro al taglio del cuneo in busta paga relativamente al periodo maggio-dicembre 2023. Ciò dovrebbe portare nelle tasche dei lavoratori con un reddito inferiore ai 25mila euro circa 25-30 euro lordi mensili (tra i 300 e i 360 annui).

Il supporto “moderato” alla crescita dei salari, nell’unico Paese europeo in cui gli stipendi sono diminuiti negli ultimi 30 anni, s’inserisce nel più ampio quadro di riduzione della spesa pubblica. Stretto tra i vincoli europei, l’esecutivo ha sottolineato come il rapporto tra il deficit (differenza tra entrate e uscite) e il PIL raggiungerà il 3% nel 2025, scendendo poi al 2,5% l’anno successivo. Non a caso la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha lanciato, durante le brevi dichiarazioni post-Consiglio dei ministri, un messaggio a Bruxelles, affermando che è con il percorso tracciato dal Documento di economia e finanza (DEF) che «si presenta in Europa». Al contrario dei colleghi europei, che hanno deciso di tirare i remi in barca, il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha battuto una strada diversa, segnata da serie misure di sostegno ai più deboli che stanno aiutando il Paese iberico a combattere la povertà e a spingere la crescita economica. Lo scorso dicembre, il governo spagnolo ha annunciato l’azzeramento dell’IVA sui beni alimentari di prima necessità e tre mesi dopo ha innalzato il salario minimo a 1080 euro (+8%). L’inflazione nel Paese registrata a marzo è stata del 3,3%, a fronte del 7,7% nell’Unione europea.

Il grande assente delle politiche economiche del governo Meloni è il superamento, ampiamente sponsorizzato in campagna elettorale, della legge Fornero. Da settimane, il tema pensionistico è scomparso dall’agenda dell’esecutivo, con l’ultimo incontro con i sindacati risalente al 13 febbraio scorso. Resta, così, il sistema transitorio inserito in Manovra e valido soltanto per il 2023 che permetterà di andare in pensione prima dei tempi stabiliti dalla Fornero: la famosa Quota 103 che consente di accedere alla pensione avendo almeno 62 anni di età e 41 di contributi. Nella stessa Manovra, la maggioranza ha deciso di fare cassa sui pensionati (10 miliardi di euro fino al 2025) bloccando la piena indicizzazione di tutte le pensioni. A ciò si è aggiunta la mancata promessa di alzare le minime a 1000 euro, ferme invece a 563,73 euro (+38,5 euro), e la mutilazione di Opzione donna. I nuovi requisiti per accedere alla misura introdotta nel 2004 e prorogata dai governi successivi hanno ridotto infatti la platea di beneficiarie da 17mila a meno di 3mila.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

10 Commenti

  1. Qualunque Governo italiano sa che può contare sulla disponibilità di sottomissione degli italiani.
    Quando vivevo in Francia, sin dalla mia infanzia ai miei 22 anni, partecipavo spontaneamente, come tutti i giovani alle proteste (non quelle del 1968!) ma a sostegno delle categorie di lavoratori di ogni estrazione per SOLIDARIETA’. Un termine caro al compianto Fausto Vicarelli, che è scomparso dai vocaboli degli italiani oggi.
    Fare sciopero? “No, non serve a nulla !” affermano certi, gli stessi che poi si lamentano della stagnazione degli stipendi.
    Chi è incapace a far sentire la sua voce – vedasi le proteste contro Macron in Francia – deve accontentarsi di ciò cha passa il “convento”-
    Ecco perché in Francia gli stipendi sono il 50% più alti di quelli italiani (ma dove l’inflazione è molto più bassa) e in Germania il 150% superiori.
    La responsabilità politica nasce dalla dignità che ciascuno cittadino risente in sé e pretende dalle istituzioni.

  2. Destra e Sinistra stessa storia.
    Non cambia nulla, poveri italiani creduloni …la Meloni ha giurato fedeltà a Davos, realmente pensate che possa cambiare qlc. Non fa altro che portare avanti le Agende Draghi e Monti, paese empre più povero e ricchi sempre più ricchi.
    Provate a smentirmi con i dati.
    Serve un cambio radicale della classe politica che abbia realmente a cuore il bene del popolo. Ma la vedo dura.

  3. Grazie, meglio a causa di sedicenti politici per nulla interessati al bene comune, del tutto contrari a principi di solidarietà e di senso civico, da decenni stiamo sempre più impoverendo non solo economicamente il nostro Paese a futuro beneficio di chi potrà comprarne pezzi a poco prezzo.
    Purtroppo buona parte della gente, votante o meno, ha interessi personali che traggono beneficio da questi governo (evasori, corruttori, mafiosi, ecc.) oppure trae utilità dalle politiche attuate per il proprio benessere (condoni, taglio aliquote, riduzione dei controlli, ecc.) oppure ancora è ammaliata dalle grida omofobe, razziste e suprematiste che sempre sono usate per “dividere e comandare”.
    Servirebbe un nuovo CLN e un nuovo popolo del ’45 per cacciare gli invasori, i depredatori, i nuovi fascisti multicolore? Chissà, mica siamo in Francia …

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI