venerdì 27 Gennaio 2023

L’UE continua ad approvare insetti commestibili, ma cosa dicono gli studi?

Dopo le tarme della farina (larve gialle essiccate del tenebrione mugnaio), la Locusta migratoria e, l’ultima novità, la polvere parzialmente sgrassata di grillo domestico, adesso il Regolamento di esecuzione (UE) 2023/58 della Commissione Europea del 5 gennaio 2023 ha autorizzato l’immissione sul mercato delle larve di Alphitobius diaperinus (verme della farina minore) congelate, in pasta, essiccate e in polvere quale nuovo alimento. La notizia sta già circolando su vari giornali e siti, ma viene data come semplice dato di cronaca senza alcuna trattazione critica e approfondita. In questo art...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

13 Commenti

  1. Per Walter Beretta : Esfa? Parma? patria del Prosciutto e del Culatello? si rilegga come sono allevati in Romania i maiali del prosciutto di Parma, in condizioni igieniche allarmanti. Decine di animali uno sopra l’altro, con del mangime buttato dall’alto e coloro che sono sotto vivono in mezzo agli escrementi? Altro che DOP!

  2. Gravissimo decadimento etico e morale che indica quanto Van der Liar (=bugiarda) e Charles Michel operano al servizio delle Multinazionali, come lo descrivo nel mio prossimo libro. Perché buttare la farina scaduta? Una volta approvato il regolamento, la si può immettere lo stesso sul mercato. Troveremo degli insetti anche nel pane e nella pasta della pizza, commestibile perché deciso dalla UE. Questa istituzione, fine se stessa deve essere abolita! Sarebbe ora che gli europei ne assumano coscienza.

  3. Strano che l’Esfa, con sede a Parma, patria del Prosciutto, del Culatello, del salame Felino e di varie industrie alimentari non abbia fatto la voce grossa con la Commissione. Sicuramente saranno più importanti le industrie alimentari dei prodotti DOP…

    • Salve Walter, l’EFSA non fa mai la voce grossa. Gli esperti EFSA sono sulla carta scienziati e ricercatori indipendenti dai politici europei, ma sono indipendenti solo sulla carta! Infatti sono persone selezionate e posizionate in quel ruolo proprio dai politici UE, che a loro volta son spesso al soldo delle multinazionali. Come spiego nell’articolo, EFSA è colei che per anni ha consentito l’uso alimentare di sostanze molto tossiche come il biossido di titanio e l’alluminio (ancora in uso quest’ultimo nei coloranti), e che anzichè bloccare l’uso del pesticida Glifosato in agricoltura, ne ha rinnovato l’autorizzazione all’uso per parecchi anni ancora…Questo fa già capire molte cose. Il fatto che la sede di EFSA sia a Parma non ha alcuna influenza sui pareri scientifici che questi sedicenti “esperti” emettono su alimenti, additivi, sostanze alimentari.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI