lunedì 24 Giugno 2024

La spericolata politica estera della Turchia per tornare un impero

Dallo scoppio della guerra in Ucraina fino ad oggi una delle poche certezze che sono emerse dal conflitto è che il contrasto tra Russia e Occidente appare al momento difficilmente sanabile. In questo contesto di instabilità e tensione, uno dei pochi Paesi in grado di portare avanti una politica indipendente nei confronti di Russia e Ucraina è stata la Turchia. Alla mediazione di Ankara si deve infatti l'accordo tra i due belligeranti relativo allo sblocco dei porti ucraini, che ha permesso di far ripartire le esportazioni di grano da cui dipendono numerosi Paesi mediorientali, i quali coprono ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Per essere più esaustiva all’analisi manca l’aspetto dei rapporti con l’Italia: dalla cattura di Ocalan con il beneplacito del governo D’Alema, che fu un’infamia di quel governo anche se non la più grave, fino alla penetrazione turca in Libia, (quasi l’inizio di una nemesi della guerra italo-turca del 1911).

  2. Certo nessuno dei governanti, compreso Erdogan, è un santo. Fare gli interessi dello stato che si guida e del relativo popolo dovrebbe essere la garanzia di mantenere il potere. Le cosiddette democrazie occidentali sono riuscite per prime a disconnettere i due fattori; bene comune e privilegi di chi guida la nazione. Rimane da comprendere quanto questa situazione riuscirà a perdurare.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI