venerdì 30 Settembre 2022

Contro il caro bollette nasce anche in Italia il movimento “Non Paghiamo”

Il movimento Non paghiamo, ispirato alla campagna Don’t pay nata nel Regno Unito, sta prendendo piede anche in Italia: sul sito nonpaghiamo.it è stato infatti lanciato un appello alla disobbedienza civile nonviolenta, sotto lo slogan “è ora di fare basta”. La campagna, che mira al raggiungimento di almeno un milione di adesioni, è volta a chiedere la riduzione del costo delle bollette energetiche a un livello accessibile: se questo non dovesse accadere, l’intenzione è di sospendere il pagamento delle bollette a partire dal 30 novembre.

Alcune iniziative di protesta in Italia avevano già avuto luogo: la scorsa settimana, a Napoli, diversi commercianti si erano riuniti in piazza per bruciare le bollette, mentre in diverse altre città gli esercenti le hanno esposte all’esterno dei propri negozi, aderendo alla campagna di Confcommercio Bollette in vetrina. La piattaforma Non paghiamo ha già superato in poche ore le 1500 adesioni, mentre in Inghilterra, dove l’iniziativa è attiva già da qualche settimana e punta alla sospensione dei pagamenti a partire dal 1° ottobre, le adesioni sono già quasi 180 mila.

“Abbiamo stretto accordi per la fornitura di gas con Paesi ben lontani dalla democrazia, ma soprattutto compriamo il gas da scisto liquido dagli USA, con un costo 10 volte maggiore, che ha un impatto ambientale comparabile al carbone e prevede l’installazione di rigassificatori” denuncia il sito. “Senza un’inversione di rotta, si prospetta un inverno in cui ci troveremo a non riuscire a pagare le bollette del gas e della luce, a casa, negli ospedali, nei luoghi di lavoro, ma anche a scuola, negli impianti sportivi… ovunque”.

[di Valeria Casolaro]

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. Ma no, è il mercato che si autoregola, ricordate il mantra di 20 anni fa, continuamente cantato da quelli che ancora hanno il coraggio di presentarsi alle elezioni? Il problema serio non è solo che sono un ammasso di incapaci, temo che tutto questo sia fatto apposta…

  2. Per quei buffoni dei politici che se ne vanno in giro in perenne campagna elettorale, il problema si risolve facendo doccie più brevi, staccando gli standby delle tv oppure abbasando il gas quando l’acqua per la pasta ha iniziato a bollire! Branco di criminali!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI