sabato 1 Ottobre 2022

Basilicata: ENI regala il gas in cambio di altri permessi di estrazione petrolifera

Con una legge regionale firmata da Vito Bardi, esponente di Forza Italia e presidente della regione Basilicata, i cittadini lucani usufruiranno di “erogazione gratuita mediante rimborso della componente energia del prezzo del gas fornito per le utenze domestiche e delle pubbliche amministrazioni regionali”. In altre parole, per i prossimi mesi – dovrebbe partire da settembre – gas gratis per (quasi) tutti, a patto che ogni abitante mantenga la propria spesa al di sotto dei 5mila euro.

La misura, pensata per combattere il caro bolletta di questo periodo, era già stata approvata a metà agosto dal Consiglio regionale ed esclude invece “gli enti pubblici economici, le società partecipate, gli enti locali regionali” e le persone che non hanno collegato la propria abitazione alla rete del gas o usano altri tipi di riscaldamento. A loro la regione offrirà alcuni incentivi per installare impianti che producano “energia pulita” come pannelli fotovoltaici e solari.

A tutti gli altri utenti invece spetterà ancora sostenere i costi di gestione del contatore, quelli del trasporto e degli oneri di sistema, mentre i consumi effettivi saranno azzerati. In questo modo, secondo le proiezioni, la cifra in bolletta dovrebbe praticamente dimezzarsi. Com’è possibile?

C’entrano la Val d’Agri e gli accordi che la Basilicata ha stipulato con le società che si occupano dell’estrazione di risorse nella zona, situata tra le province di Potenza e Matera, e che comprende lo spazio tra i monti Sirino e Volturino. In pratica il patto prevede che le imprese offrano forniture gratuite alla regione (che comunque dovrà sostenere alcuni oneri) in cambio del rinnovo delle concessioni estrattive per i prossimi 10 anni.

Le società che gestiscono gran parte dell’economia estrattiva in Basilicata sono Eni e Total, che si impegneranno a fornire annualmente ai lucani 200 milioni di metri cubi di gas naturale (la Basilicata stima di consumarne 160 milioni e per questo reputa l’iniziativa concretamente e numericamente fattibile). La misura gioverà certamente nell’immediato alle tasche dei cittadini lucani, che in cambio però dovranno continuare a sopportare le attività petrolifere sul loro territorio per altri dieci anni. E non si tratta certo di attività a impatto zero, né per l’ambiente né per la salute.

Qualche mese fa vi avevamo parlato della vicenda del Lago Pertusillo, un bacino artificiale situato nella Basilicata sud-occidentale, nei pressi di alcuni stabilimenti petroliferi di ENI. Grazie alle indagini commissionate dalla rivista scientifica internazionale MDPI, c’è stata la conferma che le alghe che hanno colonizzato a lungo le sue acque sono dovute alla presenza di idrocarburi del petrolio. I campionamenti hanno rivelato nello specifico la presenza di particelle ben oltre il limite consentito: 286 mcg/l di idrocarburi totali disciolti (il limite è 200), 6,65 mg/l di azoto (il limite è 2 mg/l).

Nella regione si estrae circa l’80% del petrolio nazionale, un’attività così intensa e dannosa che i cittadini hanno accettato solo a patto di ricavarne ricchezza. Ma, nonostante le promesse di prosperità avanzate dalle compagnie petrolifere, la Basilicata ha ancora un Pil tra i più bassi e tassi di disoccupazione alle stelle. In un modo o nell’altro, comunque, le multinazionali si arricchiscono, mentre a pagare le conseguenze peggiori dell’egemonia fossile sono esclusivamente la salute dei cittadini lucani e l’ambiente naturale.

L’inquinamento ha interessato l’aria, a causa delle emissioni provenienti dagli impianti di desolforazione petrolifera, stoccaggio e estrazione, così come da inceneritori e ferriere; il suolo, per colpa dei fanghi derivanti dalle lavorazioni petrolifere, da incidenti nel corso delle estrazioni, dall’interramento dei rifiuti, nonché dalla consueta pratica di acidificazione; e l’acqua, la risorsa realmente preziosa della regione, essenziale per i suoi abitanti e per diversi milioni di cittadini pugliesi, campani e calabri che dipendono dai suoi abbondanti e – un tempo salubri – bacini idrici.

Nella Val d’Agri inoltre i composti organici volatili – sostanze classificate come cancerogene dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) – presenti in atmosfera raggiungono livelli critici: superano i 250 microgrammi per metro cubo come media giornaliera. Non a caso la mortalità nei pressi degli impianti – come ha evidenziato uno studio del 2018 – è risultata significativamente maggiore che altrove. E con ulteriori proroghe estrattive di almeno altri 10 anni, sperare in un miglioramento è praticamente impossibile.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. L’unico commento possibile è: GRAZIE

    Sono rientrata nella mia Basilicata lo scorso anno dopo 18 in Lombardia.
    Ho letto della notizia ed avevo intenzione di approfondire..perché la domanda nasce spontanea: gas gratis ma a che costo?

    E la risposta eccola qui. Completa.
    Perciò GRAZIE

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI