venerdì 30 Settembre 2022

L’Italia dovrà pagare la multinazionale per lo stop alle trivelle

L’Italia dovrà versare 190 milioni di euro nelle casse della società petrolifera Rockhopper Exploration per aver fermato sul nascere il progetto relativo alla piattaforma petrolifera “Ombrina Mare”, che sarebbe dovuta sorgere al largo della Costa dei Trabocchi, in provincia di Chieti. A renderlo noto è stata la stessa multinazionale inglese, che tramite un comunicato si è detta “lieta di fornire il seguente aggiornamento”, specificando che l’Italia dovrà altresì compensare gli “interessi del 4% capitalizzati annualmente dal 29 gennaio 2016 fino al momento del pagamento”. È questo dunque l’esito dell’arbitrato internazionale intrapreso nel 2017 dalla società dopo che, proprio nel 2016, erano state fermate le trivelle non essendo più stato rilasciato il titolo.

Sostenendo che il mancato rilascio della concessione petrolifera “Ombrina Mare” avesse violato il Trattato sulla Carta dell’Energia – un accordo internazionale sulla cooperazione nell’industria dell’energia e dei combustibili fossili – la società si è infatti rivolta al Centro internazionale per il regolamento delle controversie (Icsid), ovverosia l’organismo deputato a gestire le controversie internazionali di questo tipo in base al Trattato. Quest’ultimo, a quanto pare ha pienamente accolto la tesi della multinazionale. “Il collegio arbitrale ha ritenuto all’unanimità che l’Italia avesse violato i propri obblighi ai sensi del Trattato sulla Carta dell’Energia che autorizzava Rockhopper al risarcimento”, si legge infatti nel comunicato diffuso dalla società, la quale ha altresì sottolineato che “l’Italia ha 120 giorni di tempo per chiedere l’annullamento del lodo arbitrale, che però può essere annullato solo in circostanze limitate”.

Lo stop alle trivelle, come detto deciso nel 2016, era stato attuato dal Ministero dello Sviluppo economico (titolare Federica Guidi), che aveva fermato le autorizzazioni per la ricerca di idrocarburi offshore, in mare, entro le 12 miglia dalla costa, ovverosia poco più di 22 chilometri. La decisione – con cui erano state negate 27 autorizzazioni – era arrivata in seguito alle tante proteste e battaglie dei cittadini del litorale adriatico e delle associazioni ambientaliste, che adesso ovviamente criticano il pagamento imposto all’Italia. In tal senso, a finire nel mirino è proprio il Trattato sulla Carta dell’Energia, da cui il nostro Paese negli scorsi anni ha receduto dopo averlo sottoscritto più di 20 anni fa. Secondo il Forum H2O – una delle associazioni ambientaliste che più si era battuta nella vicenda Ombrina – si tratterebbe infatti di un trattato “truffaldino”, grazie al quale “le multinazionali possono fare causa contro le leggi dello Stato”: un’eventualità dalla quale l’Italia ancora non è esente visto che, come ricordato dall’associazione, “anche uscendo dal trattato c’è una clausola che permette di fare causa per i decenni successivi”.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

    • Causa maggiori ti basta il rischio di subsidenza e il rischio che Venezia crolli c’é un interessante video di Geopop su YouTube al riguardo. Se tu estrai li per conformazione bassa del terreno a volte sotto il livello del mare il rischio é quello . Io vivo in Veneto da poco ma il tema é interessante. Non farti abbindolare politicamente anche estraendo tuttto il gas esistente arriveresti a 10 miliardi ,l’Italia ne consuma 70 miliardi all’anno.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI