martedì 9 Agosto 2022

Il Tar del Friuli annulla il foglio di via emesso contro Stefano Puzzer

Con sentenza emessa il 13 luglio scorso il TAR del Friuli ha annullato il foglio di via obbligatorio emesso dalla Questura di Pordenone il 15 dicembre 2021 nei confronti di Stefano Puzzer e che prevedeva il divieto di fare ritorno nel territorio del Comune di Pordenone per un periodo di 3 anni. Il Tribunale ha infatti ritenuto infondate le motivazioni addotte dal Questore nell’emettere il provvedimento e condannato il Ministero dell’Interno al pagamento delle spese legali. È la seconda volta che viene annullato un provvedimento simile emesso nei confronti di Puzzer, dopo che nell’aprile di quest’anno il TAR del Lazio aveva annullato il foglio di via emesso a suo carico dalla Questura di Roma. Anche in quel caso il Ministero dell’Interno era stato condannato al pagamento delle spese legali.

La misura contro Puzzer era stata emessa dal Questore della Provincia di Pordenone in seguito ai fatti del 15 dicembre 2021, quando Puzzer aveva preso parte a una manifestazione non autorizzata di fronte alla sede dell’Azienda ospedaliera Santa Maria degli Angeli di Pordenone. L’iniziativa era stata organizzata da alcuni operatori sanitari, che protestavano contro il fatto che “nonostante il primo obbligo vaccinale per il personale sanitario fosse entrato in vigore già dal 1° aprile 2021, a quella data (15/12/2021) ancora molti operatori lavoravano pur non essendo vaccinati, situazione gravemente discriminatoria nei confronti di quei pochi che invece, sulla base di scelte non trasparenti ed evidentemente arbitrarie, erano stati già sospesi e quindi privati dello stipendio”. In quell’occasione il Questore, identificando la “tendenza a delinquere” di Puzzer – incensurato – e definendolo come “soggetto che potrebbe mettere in pericolo la sicurezza e la tranquillità pubblica”, ne aveva determinato la pericolosità in caso di permanenza sul territorio di Pordenone, aggiungendo come questa favorisse “le tensioni sociali già rilevate in occasione delle manifestazioni di piazza instaurate dai gruppi ‘no vax’ e ‘no green pass'”.

Sottolineando come tali affermazioni costruissero solamente una “mera (e alquanto remota) ipotesi, peraltro non supportata da alcun concreto ed oggettivo elemento di riscontro”, il TAR ha stabilito come dalle foto scattate quel giorno fosse chiaro che la manifestazione fosse di natura pacifica. Persino gli agenti hanno un atteggiamento rilassato. “Non è dato, in definitiva, nemmeno sapere su cosa si fonda il giudizio di pericolosità sociale formulato” riporta la sentenza, “né, tantomeno, quello prognostico circa la probabile reiterazione nel prossimo futuro di condotte in grado di mettere in pericolo gli interessi protetti”. Per tale motivo, il provvedimento del Questore è stato annullato.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI