domenica 26 Maggio 2024

Messina, 36enne indennizzata a vita per “danni irreversibili” da vaccini anti-Covid

Per i danni irreversibili provocati dall’inoculazione contro il Covid, una 36enne di Palermo riceverà un indennizzo a vita. A stabilirlo è stata la Commissione medica ospedaliera di Messina, che ha accolto l’istanza dei suoi legali. I membri della Commissione hanno infatti accertato che i vaccini hanno provocato nella donna – cui furono somministrate tre dosi fra il 2021 e il 2022, una Astrazeneca e due Pfizer – “una miocardite alla parete inferiore del ventricolo sinistro al tratto medio, con minima estensione alla parete infero-laterale”. Cinque mesi dopo la seconda inoculazione, le fu diagnosticata una “lesione compatibile con una evoluzione anatomopatologica di una pregressa miocardite a verosimile eziogenesi post vaccinale”. E ora i medici sono certi: vi è un nesso di causalità tra la somministrazione del farmaco e l’insorgenza degli effetti avversi.

Se fino ad ora il Dipartimento messinese aveva respinto le istanze ricevute, non registrando la sussistenza di rapporti causa-effetto fra la vaccinazione e la patologia, con questa pronuncia potrebbe aprirsi un nuovo capitolo nelle decisioni sugli indennizzi da riconoscere a persone che hanno subito danni dalla vaccinazione anti-Covid. La cifra esatta non è ancora stata fissata, ma la donna dovrebbe avere diritto a una somma di circa 1.800 euro a bimestre. All’interno della sua pronuncia, la commissione di Messina ha scritto che “sulla scorta della più recente letteratura scientifica e del rapporto sulla sorveglianza dei vaccini Covid-19, redatto dall’Agenzia italiana del farmaco, può essere considerata verosimile l’associazione causale fra la somministrazione di vaccino e l’infermità di cui al giudizio diagnostico”, esprimendo dunque “parere favorevole alla concessione dei benefici”.

L’indennizzo che sarà riconosciuto alla donna rientra fra quelli previsti dalla legge 210/92 per “soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni di sangue e somministrazioni di emoderivati, che ne facciano richiesta”, la cui platea di riferimento è stata aggiornata dalla sentenza della Corte Costituzionale del 26 maggio 2020, che ha riconosciuto l’obbligo di indennizzo anche per le vaccinazioni non obbligatorie. Giuridicamente, possono dunque rientrare nel computo i cittadini che sono stati inoculati con i vaccini anti-Covid, come dimostra il fatto che, all’inizio del 2022, con un decreto legge era stato creato un fondo da 150 milioni di euro da cui pescare il denaro per eventuali risarcimenti a causa degli effetti avversi del vaccino. Rispetto alla procedura da adottare, va evidenziato che, dal 1° gennaio 2001, le competenze sono state trasferite dal ministero della Salute alle regioni, dunque la domanda di indennizzo deve essere avanzata all’azienda sanitaria di residenza, chiamata ad effettuare l’istruttoria.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI