domenica 14 Agosto 2022

Una simulazione rivela cosa succederebbe al Pianeta con una guerra nucleare

Il conflitto tra Russia e Ucraina ha spinto il mondo e l'opinione pubblica a interrogarsi sulle possibili conseguenze di una guerra nucleare. Gli scienziati della Louisiana State University (LSU) e della Rutgers University hanno così deciso di condurre uno studio – denominato A New Ocean State After Nuclear War – con l'obiettivo di prevedere un mondo post-conflitto nucleare. Lo scenario, pubblicato sulla rivista American Geophysical Union Advances e ottenuto attraverso simulazioni computerizzate, è desolante: nei primi giorni del conflitto si entrerebbe in una sorta di inverno nucleare, con un...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

9 Commenti

  1. Se ci pensate, gli stati uniti da dopo la seconda guerra mondiale non ne hanno azzeccata una: Corea, Vietnam, Iraq, Afghanistan.. un paese di ipocriti guerrafondai che con la retorica della loro sempre più incerta democrazia esportano guerre e sconquasso in tutto il mondo per mantenere l’egemonia. E noi siamo i servitorelli, in un’Europa ridicola incapace di avere una posizione sua che non sia a traino della NATO (ente inutile da anni, se non per i biechi interessi americani, visto che il “nemico” Patto di Varsavia si è ampiamente dissolto). E di questo possiamo anche ringraziare il caro Draghi e il suo tanto amato compagno di merende. (E non credo che, anche senza (spero) di lui, andrà molto meglio…)

  2. Rendiamoci conto a che livello è arrivata l’umanità. Al livello di realizzare una simulazione complessissima per affermare che una guerra atomica sarebbe una catastrofe. Chi lo avrebbe mai immaginato?
    Soldi spesi bene, forse solo per diffondere terrore nella popolazione che fino ad ora credeva di vivere in una quasi-democrazia, in regime di quasi-libertà. Chiedetelo ad Assange quanto siamo distanti dalla Libertà e dalla libera espressione.
    E’ in atto una violentissima politica dell’informazione che usa la paura per controllare le masse considerate come bovini (senza offesa per le mucche). Si diffonde la paura di:
    – Pandemia
    – lock down (in inglese è più efficace)
    – niente cure
    – morte
    – guerra e forse guerra atomica…
    – carestia
    – buio e freddo
    Non vi fa paura?
    Eppure non sono sicuro che la fine sia lo scenario peggiore. Morire in piedi o vivere a quattro zampe? Con una specie di governo non eletto dal popolo (incredibile!) e comandato dalle banche e multinazionali-USA…
    Non sarebbe forse il caso di pensare ad un rinascimento dove l’Italia cerca di pensare col suo cervello ed esce da questi sistemi di controllo internazionale?

    • Certo che è il caso, ma come si fa? Siamo come la Bielorussia per la Russia: niente più che un animaletto domestico con un bel pistolone puntato alla tempia.
      Se un italiano dice BAH, arriva l’esercito americano e lo mette a tacere in meno di 10 minuti..

    • Grande! La penso come te e cerco con ogni mezzo di dirlo a più persone possibili ma la maggioranza non vuole ascoltare la realtà preferisce la paura che gli inculcano senza poi di fatto agire per cambiare la situazione. Sono contenta che qualcuno sia vicino ai miei pensieri. Grazie per aver espresso il tuo punto di vista

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI