sabato 25 Giugno 2022

USA, UE e UK istituiscono un nuovo organo di indagine per i crimini di guerra russi

Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito hanno annunciato la creazione dell’Atrocity Crimes Advisory Group (ACA), organo pensato per prestare sostegno all’Ufficio del Procuratore generale dell’Ucraina (OPG) nelle indagini sui crimini di guerra messi in campo dalla Russia. Si tratta di un pool di esperti internazionali che fornirà supporto all’ufficio di Iryna Venediktova, procuratore generale dell’Ucraina, nel raccogliere materiale e giudicare l’esistenza di crimini di guerra messi in atto dalla Russia.

L’autorità responsabile del perseguimento dei crimini di guerra perpetrati dai russi nel corso del conflitto è infatti l’OPG. Come sostenuto dal Segretario di Stato americano Antony Blinken, “Questa iniziativa sosterrà direttamente gli sforzi dell’OPG per documentare, conservare e analizzare le prove dei crimini di guerra e di altre atrocità commesse dai membri delle forze russe in Ucraina, in vista di un’azione penale”. Il Ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha poi aggiunto: “Siamo determinati a garantire che i responsabili delle vili atrocità commesse in Ucraina siano chiamati a risponderne. Il Regno Unito si è già impegnato chiaramente a sostenere l’Ucraina nelle sue indagini, anche attraverso il dispiegamento di esperti di crimini di guerra nella regione e lo stanziamento di fondi aggiuntivi per aiutare la Corte Penale Internazionale (CPI) nelle sue indagini. Ora stiamo intensificando i nostri sforzi attraverso questa iniziativa storica con i nostri partner negli Stati Uniti e  nell’Unione europea. Giustizia sarà fatta”.

Secondo quanto riportato nella comunicazione ufficiale, la presenza dell’ACA si è resa necessaria poiché, pur avendo gli operatori ucraini svolto “un lavoro eccellente, tuttavia la portata di ciò che sta accadendo ora è senza precedenti e sta ponendo enormi richieste all’OPG”. Il pool di esperti è composto di un gruppo consultivo che affianca l’OPG e da squadre mobili di giustizia (MJT) atte a condurre le indagini sul campo. Al momento, scrive il comunicato, per via della situazione in cui verte l’Ucraina il team risiede nel sud-est della Polonia, ma è già impegnato operativamente in missioni di breve durata sul territorio.

In Ucraina i processi per i crimini di guerra hanno preso il via verso la metà del mese scorso: il 13 maggio è infatti finito sotto accusa il sergente russo ventunenne Vadim Shishimarin, accusato di aver deliberatamente ucciso un civile nel villaggio di Chupakhivka, nell’Ucraina nord-orientale, alla fine di febbraio. Il processo, durato neanche una settimana, si è concluso con la condanna di Shishimarin all’ergastolo.

Pur non collocandosi in contrasto con la giurisdizione di altri organi penali sovranazionali, come la Corte penale internazionale, il fatto che sia un tribunale interno ucraino a giudicare i crimini russi e la mancata esistenza di un organo di giudizio super partes non può non suscitare perplessità riguardo la conduzione imparziale di tali processi. Tanto più che, nel dichiarare il proprio esplicito appoggio alla parte ucraina, organismi come l’ACA esprimono implicitamente una chiara presa di posizione nel contesto del conflitto. Quello che si configura non sembra così essere un tentativo di valutare l’esistenza di effettivi crimini di guerra, ma quanto più di individuare colpevoli da portare alla sbarra.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

5 Commenti

  1. Ed i crimini di guerra americani? Ricordate Colin Powell con la boccettina di “acetone” spacciata per armi di distruzione di massa, come presunta prova per avvallare nell’opinione pubblica il sentimento della guerra?
    Il tramonto dell’occidente è iniziato anni fa.

  2. Ritorno su questa notizia.
    Come necessario faccio una premessa: non sono filo Putin o a favore dell’invasione dell’Ucraina.
    Però mi indigno quando vedo come la realtà ed il diritto vengono manipolati sempre a favore di pochi attori internazionali. Ancora di più è veramente indecente che l’informazione mainstream italiana sia completamente allineata e asservita a questi Poteri Forti.
    Sui giornali ed in TV ormai non esiste più un contraddittorio degno di questo nome.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI