domenica 3 Luglio 2022

La maggioranza dei parlamentari è contro le armi a Kiev, ma solo a parole

La maggioranza dei parlamentari fa capo a gruppi che hanno espresso con una retorica inequivocabile la contrarietà all’invio di armi a Kiev. Si tratta dei gruppi di Forza Italia, Lega e Movimento 5 Stelle, che contano rispettivamente un totale di 368 parlamentari alla Camera, su un totale di 630, e 186 (su 321) in Senato. A questi va poi aggiunta quella parte del Gruppo Misto afferente ad Alternativa e a Potere al Popolo che hanno espresso pareri simili. Il totale, solo tra FI, M5S e Lega ammonta a 554 parlamentari, quasi il 60% del totale. Eppure, quando richiesta, è sempre stata concessa la fiducia alle mozioni del Governo, compreso riguardo la questione dell’invio di armi in Ucraina.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il rischio della crisi di Governo: è infatti un’anomalia tutta italiana quella per la quale un voto di sfiducia comporti automaticamente la caduta dell’intero esecutivo. Tuttavia non si spiega altrimenti il comportamento contraddittorio dei principali partiti riguardo le questioni di fiducia poste dal Governo, tra le quali anche l’invio di armi in Ucraina.

Matteo Salvini ieri ha dichiarato con fermezza di aver «ribadito al presidente Draghi che io di mio, con le mie responsabilità, sto percorrendo tutti i canali e i rapporti che ho coltivato negli anni per arrivare a uno stop alle armi». Tuttavia, alla domanda diretta «Chiederete il voto sulle armi?» il leader della Lega risponde che «No, non mi sembra che arrivino delle comunicazioni, non mi sembra che siano previsti voti», per poi aggiungere «Non c’è niente da votare, io non commento le ipotesi».

Stessa solfa per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, il cui presidente Giuseppe Conte ha accuratamente evitato di esprimere posizioni nette riguardo l’invio di armi in Ucraina. Il documento redatto al termine dell’ultima riunione dei vertici del Movimento riporta infatti come si ritenga “assolutamente opportuno che l’Italia, dopo avere già inviato varie forniture comprensive anche di armamenti per consentire all’Ucraina di esercitare il diritto alla legittima difesa di cui all’art. 51 della Carta delle Nazioni Unite, concentri adesso i suoi sforzi sul piano diplomatico”. L’invio delle armi appare quindi implicitamente considerato legittimo: di certo non figura qui condanna esplicita da parte del Movimento.

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi non è stato da meno: durante il comizio tenutosi lunedì sera ha espresso posizioni apparentemente molto nette contro l’invio di armi, sottolineando come questo implichi la nostra automatica presenza in un contesto di guerra. «Siamo in guerra anche noi perché gli mandiamo le armi, adesso dopo le armi leggere mi hanno detto che gli mandiamo carri armati e cannoni pesanti, lasciamo perdere. Cosa significa tutto questo? Che avremmo dei forti ritorni dalle sanzioni sulla nostra economia e ci saranno danni ancora più gravi in Africa e allora è possibile che si formino delle ondate di profughi e questo è un pericolo derivante dalla guerra in Ucraina». La preoccupazione espressa sembra quindi forte: peccato che nemmeno Forza Italia si sia pronunciata riguardo il voto parlamentare.

A dissipare qualsiasi dubbio vi è la nota del Copasir, che considera l’invio di armi in Ucraina “in linea con le indicazioni e gli indirizzi dettati dal Parlamento“, riferendo riguardo al terzo decreto (secretato) sull’invio di materiale bellico. Tutto il resto, quindi, è solo politica.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

9 Commenti

  1. Quelli che occupano ad oggi i posti da deputati e senatori hanno il solo scopo di arrivare al vitalizio, anche a costo di nutrirsi della carne viva del paese, chi non ha presente questo concetto vive nel paese dei balocchi! In merito alle formazioni marginali e per tanto non decisive, nel momento che vedessero vacillare l’esecutivo sarebbero sempre pronte a correre in soccorso, cose viste e riviste!

  2. Bisogna precisare che il gruppo di Alternativa (dal testo dell’articolo non mi pare del tutto chiaro) non solo è molto più esplicito dei grandi partiti nel condannare l’invio di armi e le relative liste secretate, ma non ha mai neanche votato la fiducia al governo (e non solo su questo tema).

    • Se mai torneremo a votare immagino che ci saranno piccoli partiti attualmente in embrione a raccogliere i consensi degli italiani sani di mente. È ovvio che questi nn sono da votare ma in qs contesto denunciare l’astensione è da pazzi!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI