sabato 20 Luglio 2024

Non solo Ucraina: le guerre dimenticate a cui non prestiamo attenzione

Ce ne stiamo accorgendo proprio in queste ultime settimane. È sufficiente guardarci intorno, sfogliare i giornali e accendere la tv per capire che ci sono alcune guerre che ottengono più attenzione di altre. L'invasione russa ai danni dell’Ucraina, in particolare, ha catturato l'interesse del pubblico occidentale come nessuna delle recenti guerre (quella in Etiopia o in Yemen ad esempio) aveva fatto. In parte questo è ovvia conseguenza dell’entità non regionale del conflitto. Parliamo infatti di una guerra potenzialmente globale, per la quale i grandi leader mondiali si sono apertamente schier...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Poi si finisce sempre e comunque a fare una selezione. Anche l’articolo in questione seleziona solo alcuni conflitti in atto, forse nell’identico modo in cui o Mass media selezionano di cosa occuparsi e di cosa occuparsi in maniera ossessiva. Niente di male chi ha occhi per guardare può guardare ogni cosa… Senza che gli altri lo facciano per lui….

  2. Penso a tutte queste popolazioni dimenticare e alle singole persone la cui vita é segnata definitivamente, persone che avrebbero potuto rendere migliore il mondo, invece sono costrette ad affrontare guerre e tirannie. E poi penso all’Italia dove il fascismo è tornato più forte di un tempo, in cui gli automi italioti irrigimentati con soli due anni di terrore e vaccini concordano appieno con la propaganda di governi fantocci. Per non parlare della deriva massonica pinduista che probabilmente ha ritessuto la sua tela e l’ha unita a quella di gruppi internazionali anche più potenti.

    • Dobbiamo cercare di utilizzare la difficile congiuntura che stiamo vivendo in Italia per evolvere più rapidamente come persone e di riflesso come Popolo. Se questo processo sarà troppo lento, anche da noi il rischio di arrivare ad una guerra civile quando il governo fantoccio ci farà precipitare nel baratro, sarà concreto. Tutta la violenza e i danni che ci stanno facendo da due anni, da qualche parte dovranno uscire e in qualche modo avranno una compensazione. E’ una legge naturale. Poi penso che il processo evolutivo sia lungo e pieno di possibilità per tutti: così anche chi oggi purtroppo si trova a vivere una vita di sacrifici e sofferenza, stia facendo una esperienza e compiendo un cammino evolutivo che lo porterà, crescendo, ad affrontare esperienze più elevate ed elevanti. Ora, senza farsi travolgere nè rintronare dal martellamento mediatico, è opportuno prendere coscienza di tutto ciò che sta avvenendo in tutto il mondo, non solo dove ci dicono che sia l’unico problema, perchè si parla sempre di un unico, delimitato ossessivo problema alla volta.

Comments are closed.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI