giovedì 19 Maggio 2022

Roberto Speranza, unico in Europa, vuole continuare con il green pass a oltranza

Dal Regno Unito alla Svizzera, passando per Austria, Irlanda e Danimarca, praticamente tutti i ministri della Salute dell’Unione hanno già eliminato il grosso delle restizioni nonché l’uso del green pass e degli obblighi vaccinali, oppure – quelli più prudenti – hanno stilato calendari precisi di fuoriuscita dall’emergenza sanitaria, come nel caso della Finlandia. Ad oggi si registra in Europa un solo ministro della Salute che pare intenzionato a continuare sulla strada delle restrizioni, degli obblighi e della certificazione verde senza nemmeno immaginare una fine dell’emergenza, quello italiano. Roberto Speranza è tornato a farsi vivo sul tema annunciando: «Il Green pass è stato ed è un pezzo fondamentale della nostra strategia. Le mascherine al chiuso sono ancora importanti: non riesco a vedere un momento X in cui il virus non esiste più e cancelliamo insieme tutti gli strumenti. È ovvio che misure del genere devono avere una temporaneità, ma dire ora – con sessantamila casi al giorno – che l’impalcatura va smantellata, beh, penso sia un errore». In buona sostanza, mentre in tutta Europa si dice «Il virus non scomparirà, quindi dobbiamo accettare di conviverci e tornare alla normalità», Speranza partendo dalle stesse considerazioni arriva, unico, alla conclusione opposta: Il virus non scomparirà, quindi dobbiamo mantenere le restrizioni alla libertà a oltranza.

«Con un Green Pass solido abbiamo piegato l’ondata senza chiusure generalizzate», ha affermato nella stessa intervista, rilasciata a La Repubblica, il ministro della Salute, dimostrando ancora una volta di non considerare i dati provenienti da altri Paesi che il green pass hanno scelto di non adottarlo neppure e ciononostante hanno registrato curve di contagio, ricoveri e decessi non solo analoghi, ma addirittura migliori rispetto all’Italia, come nel caso della Spagna. Nessuna valutazione nemmeno sui dati provenienti dal Regno Unito: per mesi la narrazione governativa italiana ha dipinto come “irresponsabile” la linea tenuta dal premier Boris Johnson, giudicando affrettate le riaperture inglesi e l’abbandono della certificazione sanitaria. Invece oltre Manica sta succedendo l’esatto opposto, e pochi giorni fa l’Office for National Statistics ha reso noto che la mortalità generale è addirittura scesa a livelli più bassi rispetto all’epoca pre-pandemica. Solo tre giorni fa, il 18 febbraio, Israele – paese che per primo al mondo introdusse le restrizioni – ha annunciato l’abolizione immediata del green pass. Il governo, dopo mesi di utilizzo, lo ha bocciato giudicandolo, senza mezzi termini, misura «priva di logica medica ed epidemiologica».

Sfugge quindi quali siano le evidenze sanitarie e statistiche attraverso le quali il ministro della Salute italiano voglia giustificare il mantenimento della certificazione verde ad oltranza, anche oltre la fine dell’emergenza. Anzi, ogni scarna giustificazione addotta nelle interviste a mezzi di stampa al solito compiacenti e non inclini a porre vere domande, è in verità smentita dai fatti e dalla semplice comparazione con quanto avviene negli altri Paesi europei. Ma a Roberto Speranza questo non sembra interessare.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

15 Commenti

  1. Ormai siamo arrivati al fondo del barile, questi che vediamo sono patetici tentativi di grattarne il fondo ma sta solo al popolo impedire questo. Guardiamo al Canada e prendiamo esempio. Solo con una protesta pacifica e ad oltranza forse possiamo invertire la rotta. Le prime teste da far saltare (metaforicamente) sono quelle dei media di regime che riempiendo di menzogne i cittadini ne determinano le scelte.

  2. la verità che sta dietro a questo signore dal volto lombrosiano è che ai piani alti è stato deciso la distruzione del sistema economico e sociale italiano, perchè in Europa dava fastidio una realtà come quella italiana degli anni 90′. Ora, dobbiamo solo sperare in un avvenimento forte, davvero importante, che alzi di un po’ il livello di tensione fra popolo ed istituzioni, perchè torno a ripetermi, non si può più pensare di rimediare ai danni che sono stati fatti e continuano a fare, con la democraticità delle manifestazioni. Purtroppo uno scontro ad alta intensità sembra ormai utile e indispensabile. Questi sono servi di potenti organismi sovranazionali, come la Fabian Society, di cui Speranza ne è un eletto, e se cercate nel web, potrete apprezzarne ogni loro idea, progetto e modalità di attuazione… allora potrete capire

  3. Purtroppo è un DEGENERATO, LA SUA MENTE VAGA NEL VUOTO DELLA SUA SCATOLA CRANICA… LUI E DIMAIO SONO LO STRUMENTO PER LA DISTRUZIONE DELL’IDENTITÀ ITALIANA.
    IO, PERSONALMENTE SPERO PER LUI DI NON TROVARLO DAVANTI ALLA MIA BOCCA, PERCHÉ LO DEVO SPUTARE IN FACCIA COSÌ LO DISINFETTO!!!

  4. Dopo che hanno costretto al vaccino migliaia di persone che di propria volontà non lo avrebbero fatto, ora con queste fissazioni farà anche crollare l’economia… forse qualcuno inizierà a preoccuparsi quando verrà licenziato…. allora il green pass non servirà più a nulla…. o forse avrà raggiunto lo scopo…

  5. Vista la faccia del soggetto ( e quindi il correlato livello di intelligenza) è chiaro perché sia rimasto praticamente l’unico, o quasi, a dire queste cose: se l’esperimento di controllo sociale andrà male e il popolo chiederà qualche testa ( non solo metaforicamente) come risarcimento per gli anni di vita strappati (soprattutto ai giovani e bambini) la prima che cadrà sarà sicuramente la sua.

  6. Ma questo figlio di tr…si rende conto che sta tenendo ostaggio centinaia di migliaia di persone SANE ripeto SANE ripeto SANE !!!! Maledetto spero che tutto quanto hai fatto ti venga restituito
    Con gli interessi! Essere spregevole ! Fai schifo ! Ti devi vergognare !!!

  7. Vorrei sapere dove è diretta e da chi è diretta l’Italia.
    La popolazione sicuramente è sotto l’anestesia iniettata dai media generosamente sovvenzionati dal governo, e al risveglio sarà talmente abituata al torpore che potrà addirittura credere che questi politicanti abbiano fatto un buon lavoro e per la sua salute.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI