giovedì 6 Ottobre 2022

Un triumvirato di garanzia per le oligarchie internazionali

Con le attenzioni della stampa nazionale tutte concentrate sulla rielezione di Mattarella a capo dello Stato e sulle beghe partitiche che ne sono derivate un’altra notizia degna di attenzione è passata in sordina. Lo scorso 29 gennaio, Giuliano Amato – professore emerito di diritto pubblico comparato e per due volte presidente del Consiglio – è stato eletto all’unanimità presidente della Corte costituzionaleCon la sua elezione a capo del più importante organo di garanzia costituzionale – insieme alla rielezione di Mattarella alla presidenza della Repubblica e a Draghi presidente del Consiglio – ci troviamo di fronte a quello che può essere considerato a tutti gli effetti un “triumvirato” che avrà, tra le altre, la funzione di rassicurare le oligarchie finanziarie transnazionali sul fatto che l’Italia non si allontanerà di un millimetro dallo status quo desiderato. Non è un caso che le potenti banche d’affari americane come Goldman Sachs, i grandi fondi d’investimento quali Black Rock, ma anche le organizzazioni di categoria finanziaria e industriale come la Trilateral, nonché l’impalcatura burocratica di Bruxelles abbiano tutte quante salutato con giubilo le nomine italiane.

La biografia politica di Giuliano Amato merita di essere rinfrescata: il governo da lui guidato come presidente del Consiglio nel 1992, fu quello che mise in campo la svendita del patrimonio pubblico italiano, proprio nel periodo in cui, sotto i colpi dell’operazione giudiziaria “Mani pulite”, l’Italia transitava dalla prima alla seconda Repubblica, quella che nei fatti si sarebbe mossa come “curatrice fallimentare” dell’industria italiana e rappresentante degli interessi dei grandi potentati economici. A portare avanti la privatizzazione degli asset pubblici nazionali sul famigerato panfilo Britannia c’era proprio lui, l’uomo dei mercati, delle banche e dell’euro: Mario Draghi, allora Direttore generale del Tesoro. Incarico che avrebbe ricoperto dal 1991 al 2001, naturalmente anche per conto del governo Amato. L’azione dei due ebbe il risultato di devastare l’ascesa industriale italiane che proprio nel 1991 era diventata la quarta potenza economica globale scavalcando Germania e Francia. 

maggio 1991, Corriere Della Sera

La svendita del patrimonio pubblico attraverso le privatizzazioni e la sottoscrizione del trattato sull’Unione Europea nel 1992 ebbero la conseguenza di deindustrializzare il Paese e a rallentarne la crescita, incatenandolo a rigide politiche di austerità fiscale come previsto dai famigerati parametri di Maastricht. Nel contesto di questo “disegno” vanno anche inserite due nefaste decisioni politiche intraprese dal governo Amato I: l’abolizione della scala mobile che permetteva di indicizzare automaticamente i salari in funzione dell’inflazione e il prelievo forzoso notturno del 13 settembre 1992, in seguito all’attacco speculativo alla lira da parte del noto finanziere, oggi definito “filantropo”, George Soros.

Dal canto suo, in Sergio Mattarella – come in tutti i presidenti della Repubblica degli ultimi decenni – le istituzioni globali cercano il garante dell’impianto eurocratico, liberista e atlantista in Italia, riflesso degli interessi plutocratici internazionali. Prova ne è il fatto che nel suo settennato egli abbia avallato tutti i governi e le iniziative politiche di stampo europeista, dando il suo aperto appoggio a organizzazioni sovranazionali come la Commissione Trilaterale, organizzazione delle élite economiche che esercita grande influenza sulle politiche dei Paesi occidentali e la cui dottrina è riassunta nel rapporto del 1975 “La crisi della democrazia”. Solo in un’occasione, il presidente è intervenuto risolutamente nelle vicende politiche nazionali, non per difenderle, ma per scongiurare un pericolo, peraltro inesistente, di uscita dall’euro: si oppose, infatti, alla nomina di Paolo Savona a ministro dell’economia nel primo governo Conte, in quanto colpevole di sostenere tesi euro-scettiche.

Dunque, dopo la breve e inconcludente parentesi dei (finti) partiti antisistema eletti nel 2018, la politica italiana completa la giravolta che – tradendo il voto popolare che alle urne premiò partiti che si erano presentati come anti-sistema ed euro-scettici – in appena tre anni ha riportato l’Italia non solo nel novero delle politiche liberali propugnate da Bruxelles, ma l’ha collocata addirittura all’avanguardia della governance globale, come palesato con compiacimento dal fondatore del World Economic Forum, Klaus Schwab, che in occasione dell’ultimo vertice di Davos ha definito il nostro Paese un’avanguardia della cosiddetta governance 4.0, ovvero quella in cui élite politiche nazionali ed élite economico-finanziarie globali governano a braccetto. O se preferite, mantenendo la prolissa sintassi del documento di Schwab, quella in cui il governo nazionale non agisce più “come se da solo avesse tutte le risposte”, accettando una verticalizzazione e una concentrazione dei processi decisionali che si pone al di fuori del perimetro delle istituzioni democratiche nazionali.

Tornando alla nomina di Amato a presidente della Corte costituzionale, infine, utile notare come egli, nelle sue prime esternazioni, abbia specificato che «il compito della giurisprudenza della Corte costituzionale, nelle materie in cui la scienza ha un peso, è di ascoltare le ragioni della scienza»Affermazione che lascia intendere come non vi sia alcuna intenzione di valutare la preminenza di altri diritti costituzionalmente garantiti nella fase storica in cui le big pharma e i comitati tecnici scientifici governativi si sono autoeletti a unici depositari della disciplina.

[di Giorgia Audiello]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

6 Commenti

  1. Bell’articolo, serve a fare capire cosa è successo all’Italia negli ultimi trent’anni.
    Persone traditrici della loro patria che hanno lucrato ingenti somme per fare sprofondare il nostro Belpaese sempre più in basso.
    Spero che sempre più italiani aprano gli occhi e aiutino quelli che già li hanno aperti a riconquistare la nostra sovranità e a riprenderci il nostro Paese, per riportarlo dove merita.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI