domenica 25 Settembre 2022

Green Pass: i tabaccai costringono alla retromarcia il governo Draghi

Dopo l’incontro tra i rappresentati della Federazione nazionale tabaccai (Fit) e il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa, il governo ha deciso di accogliere le richieste della categoria esentando gli esercenti dall’obbligo di verificare che i clienti siano in possesso del Green Pass ed invitando questi ultimi ad effettuare semplicemente dei controlli a campione. A darne notizia è proprio la Federazione nazionale tabaccai, che attraverso le parole del suo Presidente Nazionale Giovanni Risso ha ringraziato il governo ed in particolar modo il Sottosegretario Costa non solo per aver compreso le ragioni della categoria ma «anche per aver provveduto con tempestività attraverso la risposta ad un quesito presentato dalla Federazione».

In tal senso, come si legge all’interno di una FAQ esplicativa recentemente pubblicata sul sito del Governo Italiano, «i titolari degli esercizi per i quali è richiesto il green pass base non devono effettuare necessariamente i controlli sul possesso dello stesso all’ingresso, ma possono svolgerli a campione successivamente all’ingresso della clientela nei locali». La specifica vale dunque non solo per i tabacchi ma per tutti gli esercizi commerciali «diversi da quelli che soddisfano le esigenze alimentari, mediche e di prima necessità»: in altre parole, per gli esercizi commerciali non essenziali in cui dal primo febbraio occorre entrare con il Green Pass base. Una precisazione significativa dunque, arrivata però tramite una FAQ, a quanto pare di fatto elevata a strumento giuridico da parte del governo Draghi.

Essa specifica in pratica, come sottolineato dalla Federazione italiana tabacchi, che dal primo febbraio i tabaccai ed i titolari di esercizi in cui i clienti possono entrare solo se in possesso di Green pass base non avranno l’obbligo di controllo, motivo per cui in caso di controllo delle Forze dell’Ordine «sarà soggetto a sanzione solo il cliente». Ovviamente, però, qualora quest’ultimo all’atto della verifica da parte del tabaccaio «dovesse risultare sprovvisto di certificazione verde, dovrà essere invitato ad uscire e non dovrà essere servito». L’unica eccezione a tutto questo, per quanto riguarda i tabaccai, si ha nel caso in cui i clienti volessero giocare alle slot machines e alle scommesse, dato che il tabaccaio dovrà verificare che ciascun cliente sia in possesso del Green Pass rafforzato come previsto dal legislatore.

Detto ciò, bisogna ricordare che si tratta di una vittoria ricercata fortemente ed ottenuta con sudore da parte della categoria dei tabaccai: la settimana scorsa infatti era stato minacciato uno sciopero da parte della stessa, con i tabaccai che si erano detti pronti a chiudere le serrande se il governo non avesse ascoltato la loro voce. A tale minaccia, però, ha fatto seguito l’incontro con il sottosegretario alla Salute Andrea Costa conclusosi positivamente per gli esercenti, che come detto dovranno effettuare solo dei controlli a campione.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

7 Commenti

  1. ciao, scusate non vedo la vittoria, mi sembra l’ennesima presa per il culo, è chiaro che si ottiene qualcosa solo se si alza la voce con questo governo di codardi, l’esercente già da prima non era obbligato a chiedere il gp ma se voleva poteva fare controlli a campione, ora grazie ai tabaccai hanno semplicemente chiarito “la procedura”, che non era mai stata pubblicizzata ovviamente, anche perché chiedere il gp va contro 1000 leggi sulla privacy, chi si informava poteva impuntarsi già da agosto. cmq sta di fatto che chi lo prende nel c… è sempre e solo il solito dissidente “no Green pass” ma almeno i negozianti ora non hanno più scuse, se vogliono, possono lottare contro questa assurdità per principio ma anche x salvaguardare la propria attività…. vedremo se ci sono più pecore o lupi.

  2. Ovviamente solo pochissimi giornali hanno pubblicato questa notizia, è una crepa profonda che si è creata nel sistema di controllo. E mi auguro che sia l’inizio della fine di questa follia…
    Il link delle FAQ del governo non funziona, esce un errore. Potete verificare ed eventualmente aggiornare il link? grazie

  3. Bisogna fare la voce grossa con questo governo? Bisogna reagire ognuno per se, fregandosene degli altri? Ci stanno massacrando tutti con regole folli, tante morti improvvise di giovani uomini e donne, quando riuscirà il popolo italiano a trovare una voce unica per far cessare questa follia?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI