giovedì 6 Ottobre 2022

Cosa contiene il nuovo pacchetto di restrizioni anti-covid

Il Governo ha approvato un nuovo pacchetto di restrizioni per le festività, il cui testo definitivo verrà pubblicato nei prossimi giorni, per contenere la diffusione della variante Omicron. La decisione segue la scia di numerosi altri Paesi europei, nei quali sono state varate restrizioni di vario genere nonostante l’ampia percentuale di popolazione vaccinata (che in tutte si aggira intorno all’80%).

Obbligo di mascherine all’aperto, divieto di festeggiamenti in piazza, rafforzamento del super green-pass e riduzione delle tempistiche per la somministrazione della dose booster: queste le principali misure varate dal Governo con il nuovo decreto legge, il cui testo ufficiale verrà pubblicato nei prossimi giorni. Interventi di natura restrittiva adottati in vista dell’aumento dei casi, nonostante i dati degli studi sulla variante Omicron provenienti dal Sudafrica siano molto rassicuranti. Lo stesso Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, afferma che a fronte della maggiore contagiosità della variante Omicron il tasso di ospedalizzazione in terapia intensiva è di quasi tre volte inferiore all’anno scorso, come anche il numero di decessi è inferiore «di tre volte abbondantemente» rispetto allo stesso periodo, quando i contagi erano «appena un terzo» di quelli odierni.

Nonostante ciò, le misure che il Governo ha ritenuto di dover adottare sono le seguenti:

  • obbligo di utilizzo delle mascherine chirurgiche anche all’aperto e delle FFP2 per trasporti a lunga percorrenza, trasporto pubblico locale, cinema, teatri, musei, eventi spoetivi al chiuso e stadi. In questi luoghi, se al chiuso, è fatto divieto di consumo di cibi e bevande;
  • divieto di festeggiamenti in piazze e spazi aperti fino al 31 di gennaio;
  • sospensione, fino al 31 gennaio, delle attività di discoteche, sale da ballo o attività assimilabili;
  • a partire dal 1° febbraio, riduzione del tempo di vigenza del green-pass, con un passaggio dagli attuali nove mesi ai sei mesi di validità. Allo stesso modo il tempo di intercorrenza tra il completamento del ciclo vaccinale e la somministrazione della dose booster sarà ridotto da cinque a quattro mesi (le tempistiche, in questo caso, sono ancora da definire);
  • rafforzamento del super green-pass, che ora sarà necessario anche per accedere a musei, mostre, parchi tematici, centri ricreativi e sociali, sale gioco, sale scommesse e bingo. Per quanto riguarda la ristorazione, sarà necessario il super green-pass anche per consumare cibi e bevande al banco (nel decreto precedente l’obbligo era esteso solo a coloro che si sedessero al tavolo);
  • l’accesso alle RSA sarà possibile solamente per coloro che abbiano ricevuto la dose booster o che abbiano completato il ciclo vaccinale (due dosi o dose unica) e l’esito di un tampone negativo;
  • aumento dei controlli nelle aree di frontiera, soprattutto gli aeroporti, e nelle scuole, dove verranno impiegate anche risorse del Ministero della Difesa per effettuare lo screening in fase di rientro.

Il “dl festività” arriva alla vigilia delle feste, momento in cui, sottolinea il Ministro della Salute Speranza, «È particolarmente importante che i comportamenti individuali siano adeguati alla fase complessa che stiamo attraversando». Un passo indietro che contraddice la narrativa del Governo stesso circa l’efficacia della campagna vaccinale e delle misure adottate sino ad ora.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

7 Commenti

  1. L’art. 1 co2 del DPCM 2/3/2021 a cui l’ultimo DL si riferisce parla di ‘Non vi è obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi’.
    Rettificate per favore il vs articolo perché inesatta la notizia e me ne rammarico

  2. “Obbligo di utilizzo delle mascherine chirurgiche anche all’aperto”. Siamo sicuri che dice questo il dl?
    Almeno da questo giornale mi aspetterei su questo argomento un’analisi precisa, altrimenti si fa disinformazione come tutti gli altri.

  3. Aumento dei controlli?
    Il 23 mattina sono partito in macchina dalla Norvegia per rientrare in Italia il 24 pomeriggio.
    Non ho usato traghetti e sono stato controllato solo all’ingresso della Svezia dove hanno voluto vedere un tampone negativo verificando i dati anagrafici con il passaporto. Poi ho proseguito senza sosta fino a casa, nel senso che alle frontiere danese, tedesca, austriaca e italiana non c’era nessun poliziotto, proprio nessuno. Solo a quella svizzera mi hanno chiesto da dove venivo e dove andavo, senza nessuna ulteriore richiesta, mostrando solo il passaporto.
    L’unico paese a controllare chi entra è stata la Svezia dove all’interno le persone fanno vita quasi normale, non si vedono mascherine né per strada, né sui mezzi pubblici, neanche dentro i ristoranti, ne camerieri ne dietro i banconi. Chi controlla le frontiere permette una vita quasi normale, chi non controlla gli accessi

  4. Governo di incapaci! Dopo 2 anni hanno capito che il virus si propaga perchè non si rispettano le distanze fisiche tra persone e non si mette la mascherina quando si sta vicino ad altre persone! Per 2 anni hanno fatto credere che il vaccino immunizzava e poi si sono accorti che anche le persone vaccinate veicolavano il virus eppure erano libere di circolare perchè avevano ottenuto il green pass! Intanto i beni essenziali hanno avuto un aumento dei prezzi enorme ,,, però tutti ad applaudire Draghi ancora prima che inizi a parlare, come in Corea del Nord!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI