giovedì 2 Dicembre 2021

Basta bugie e diffamazioni: il movimento No Tav querela il direttore di Repubblica

Oltre 150 No Tav hanno depositato le «prime querele contro Maurizio Molinari, direttore de la Repubblica»: lo si apprende dal sito Notav.info, all’interno del quale si legge che nella giornata di ieri gli attivisti si sono ritrovati per tale motivo «davanti al Tribunale di Torino e alla Caserma dei Carabinieri di Susa». La scelta di querelare Molinari si basa sulle dichiarazioni rilasciate da quest’ultimo lo scorso 10 ottobre durante la trasmissione Rai “Mezz’ora in più”, che sono state ritenute dai No Tav «diffamatorie» nei loro confronti.

«I No Tav sono un’organizzazione violenta, quanto resta del terrorismo italiano degli anni ’70. Aggrediscono sistematicamente le istituzioni, la polizia, anche i giornali. Minacciano i giornalisti a Torino e la cosa forse più grave è che sono in gran parte italiani che si nutrono anche di volontari che arrivano da Grecia, Germania ed a volte dalla Francia». Sono queste le affermazioni che i No Tav contestano a Molinari, il quale ha aggiunto che «per un torinese No Tav significa sicuramente terrorista metropolitano» e che «la cosa più grave nei confronti dei No Tav è che siccome si avvolgono di una motivazione ambientalista, quando questa motivazione viene legittimata loro reclutano, con una dinamica che ci riporta davvero agli anni ’70».

Secondo i No Tav, però, «applicare l’etichetta di terrorismo ad un movimento sociale da tanti anni insediato sul territorio della Val di Susa e radicato in una vasta comunità di cittadini, non solo valsusini, vuol dire proporre una equiparazione non solo falsa e incongrua, ma altamente diffamatoria sia nei confronti dell’intero movimento No Tav che nei confronti dei singoli che ne sono parte». Gli attivisti quindi ritengono che Molinari abbia utilizzato «espressioni pretestuosamente denigratorie e gratuitamente offensive intese a screditare l’avversario politico».

In tal senso, i No Tav ricordano di essere «persone comuni» e «sicuramente non terroristi», come dimostrato anche dal fatto che «nell’unico caso in cui in un “processo No Tav”, per uno specifico fatto accaduto al cantiere di Chiomonte, è stata contestata a 4 imputati la finalità di terrorismo, tale ipotesi abbia ricevuto ripetute e sonore smentite da parte dell’autorità giudiziaria». Per tutti questi motivi, dunque, gli attivisti hanno querelato il direttore del quotidiano la Repubblica, ribadendo di non avere intenzione di lasciarsi intimidire «dalle dichiarazioni di uno dei tanti giornalisti che da sempre sono dichiaratamente Si Tav e che puntualmente si ritrovano a parlare (a sproposito) della lotta dei No Tav».

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. Mi fa piacere apprendere questa notizia. Quel quotidiano è pessimo anche per le notizie su chi protesta per il green pass e per avere informazione libera. Inoltre si fa promotore di una campagna d’odio verso i non vaccinati colpevoli della diffusione permanenza della malattia covid19. In Irlanda 92% vaccinati ovvero tutti vanno peggio dell’anno prima non vaccinati. Così si osserva anche in altri paesi. Allora come si spiega che in italia o meglio in emilia romagna 87% vaccinati il virus circola? I vaccini forse sono inutili? Sembrerebbe così, certo è un pò forte come affermazione, ma se penso a quanto molti hanno già guadagnato su questa infezione mi verrebbe da suggerire che è abbastanza perchè continuare?
    Non credo siano domande particolarmente acute, anzi, allora perchè un giornalista non le pone? Spero davvero in un movimento che riporti la democrazia o un minimo di informazione libera. L’indipendente è nato come altre fonti e mi sembra ottimo. Di fronte alla censura si aprono nuove iniziative.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati