giovedì 2 Dicembre 2021

Covid: l’Irlanda torna alla restrizioni nonostante il 92% degli adulti sia vaccinato

L’Irlanda torna alle restrizioni contro il Covid. L’annuncio è stato dato ieri sera in un discorso alla nazione da parte del capo del governo Micheál Martin: già da oggi chiunque sia stato in contatto con un positivo dovrà rimanere per cinque giorni in quarantena, anche se vaccinato. Da domani, 18 novembre, torneranno in vigore gli orari di chiusura anticipati per pub, ristoranti e locali; mentre i lavoratori dovranno ricominciare a operare in remoto. Le norme arrivano a seguito di un nuovo picco di contagi, ottenuto nonostante il 92% della popolazione vaccinabile abbia già ricevuto entrambe le dosi (il 77% della popolazione totale).

Secondo quanto specificato, da domani i locali pubblici dovranno abbassare le saracinesche entro le ore 24. Per accedere a pub, ristoranti, discoteche e locali sarà necessario mostrare la prova dell’avvenuta vaccinazione o della guarigione dal Covid-19, così come per accedere a cinema e teatri. I locali avranno l’obbligo di vietare l’ingresso a chi non sia in regola con la documentazione e dovranno anche verificare i documenti d’identità degli avventori, in caso contrario potranno subire multe e chiusure. Introdotte anche nuove misure, ad occhio e croce difficili da controllare, sugli incontri familiari: le famiglie non completamente vaccinate potranno ospitare in casa solo altre famiglie non vaccinate, mentre “se sei completamente vaccinato puoi incontrare al chiuso persone di una famiglia non vaccinata se non sono a rischio di malattie gravi e non ci sono più di 3 famiglie in tutto”.

A fronte di un tasso di vaccinazioni che lo pone al quinto posto in Europa l’Irlanda ha raggiunto il picco di 4.200 persone attualmente positive, il più alto dal gennaio scorso. Attualmente sono 634 i ricoverati, 114 dei quali in terapia intensiva. Numeri, questi ultimi, ancora lontani dai picchi più alti. Tuttavia una proiezione effettuata dal Comitato Covid del governo (equivalente del CTS italiano) ha stimato che, secondo le peggiori proiezioni, nonostante i vaccini presto fino a 500 persone potrebbero avere bisogno del ricovero in terapia intensiva. Le proiezioni migliori ne stimano invece la metà.

Di fronte a questi dati il ministro della Salute irlandese, Stephen Donnelly, ha affermato che «nessuno può affermare che presto non si tornerà ad un blocco totale» come durante la prima e la seconda ondata: la medesima situazione di quando non c’erano i vaccini insomma. Ma sulla campagna vaccinale nessuna riflessione, anzi: il premier Micheál Martin ha annunciato che «i programmi di vaccinazione e di richiamo rimangono al centro della risposta del Governo al Covid-19» e che verrà accelerata «la distribuzione di dosi booster a tutti coloro che hanno fragilità o un’età superiore a 50 anni».

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

7 Commenti

    • Vero, scorrazza a suo piacimento come all’inizio ma almeno il vaccino (io chiamerei farmaco sperimentale) ha ridotto il numero di decessi. Quello che in molti non hanno ancora capito è che anche se vaccinato si può essere diffusore del virus e quindi mascherina e distanza dal prossimo!

  1. hahahah beh, con questi dati direi che è inequivocabile che questi vaccini siano fuffa. Il 92% degli over 12 sono vaccinati, ergo la stragrande maggioranza dei casi in terapia intensiva deduco che saranno persone vaccinate, (ritengo che quell’8% comprenda per lo più giovani che in terapia intensiva non ci finiscono quasi mai), quindi con questo non crolla solo il mito della protezione dal contagio, ma anche quella dalla “forma grave”.

    • Bisogna fare in modo che si costringano scienziati e studiosi mondiali a studiare le cure per questo virus e le sue varianti. Mi sembra chiaro che il vaccino “funzionicchia” quindi spendiamo 2 euro per produrre “medicamenti” !!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati