fbpx
sabato 23 Ottobre 2021

Biden minaccia l’Europa: stop al gasdotto Nordstream 2 con la Russia o ci saranno sanzioni

Negli Usa è cambiata l’amministrazione ma non la volontà di interferire sulle scelte strategiche dell’Europa. Anche per Joe Biden il gasdotto Nord Stream 2, che porterebbe nel vecchio continente il gas russo non s’a da fare. I toni, anzi, sono possibilmente più perentori di quelli usati dal predecessore Donald Trump. «La nostra posizione su Nord Stream 2 è stata molto chiara e rimane invariata. Il presidente Biden ha chiarito che Nord Stream 2 è un pessimo affare per l’Europa» ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, prima di aggiungere una frase che somiglia a una minaccia: «se tale attività avrà luogo, determineremo l’applicabilità di sanzioni economiche».

Il progetto Nord Stream 2 prevede la costruzione di due linee di gasdotto con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all’anno dalla costa russa attraverso il mar Baltico alla Germania. Un progetto da circa 8 miliardi di euro, per completare il quale manca solamente la posa degli ultimi 150 km di tubazioni sui 1200 previsti. La Germania continua a difendere il progetto, ma il 21 gennaio scorso il parlamento europeo – obbedendo alle pressioni americane – ha approvato una risoluzione che ne chiede «il blocco immediato» in seguito al caso Navalny. Per ora la Germania ha tenuto duro, forte dell’appoggio delle imprese europee e del fatto che il progetto è quasi completo. Lo farà anche di fronte all’ennesima intromissione americana?

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati